Il Sab Fabi di Pesaro crea una divertente web serie a puntate, diffusa su facebook e youtube

412

Il Sab Fabi di Pesaro crea una divertente web serie a puntate, diffusa su facebook e youtube, rivolta alle colleghe e ai colleghi bancari e alla clientela degli istituti di credito. Il progetto “Chiama la Fabi!” nasce con l’obiettivo di sensibilizzare iscritti, colleghi e grande pubblico sulle sfide che i lavoratori affrontano quotidianamente. L’iniziativa è stata ideata dal SAB (Sindacato Autonomo Bancari) Fabi di Pesaro insieme al gruppo degli “Sbancati” guidato dal regista Averino Di Marcantonio. Gli attori/sindacalisti hanno “tradotto” in piccoli episodi alcuni elementi chiave del contratto e dei diritti dei lavoratori. Attivisti sindacali e professionisti del mondo dell’intrattenimento hanno unito le forze per creare un veicolo di comunicazione moderno, utilizzando una narrazione coinvolgente per esplorare diverse tematiche legate al lavoro e contattare tutti i colleghi anche nelle postazioni da remoto attivate con lo smart Working.

«La Fabi investe molto nella comunicazione per far conoscere il nostro pensiero e approfondire tematiche complesse in modo chiaro e diretto – spiega Giuseppe Imperio membro del Comitato Direttivo Centrale Nazionale della Fabi il più rappresentativo Sindacato Italiano dei Bancari – affrontiamo così molti argomenti che attengono al nostro vissuto quotidiano nelle aziende in modo asciutto e scanzonato per far arrivare dritti al bersaglio i nostri messaggi a tutela delle colleghe e dei colleghi».

Ogni episodio affronta una questione specifica, presentando storie avvincenti di lavoratori nel contesto bancario. Dall’equità salariale alle condizioni di lavoro, con le richieste sempre più pressanti per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, dal rispetto dei diritti dei lavoratori alla necessità di organizzarsi sindacalmente.

Dalla pubblicazione dei primi episodi sui social network la web serie “Chiama la Fabi!” ha conquistato un numero crescente di spettatori che hanno partecipato con commenti e suggerimenti alla produzione dei nuovi episodi, allargando ulteriormente la comunità virtuale di solidarietà dei lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here