Il Gruppo Tesmec presenta le iniziative di volontariato aziendale in occasione dell’International Volunteer Day 2023

291

Il Gruppo consolida i due Sustainable Development Goal del Piano di Sostenibilità: l’SDG 4, relativo all’istruzione di qualità, e l’SDG 8, relativo al lavoro dignitoso e alla crescita economica, intervenendo nelle aree di maggior sofferenza

Avviati 7 nuovi progetti nel corso dell’anno, su un totale di 17 complessivamente attivi, che hanno previsto l’impegno delle persone del Gruppo su circa 600 ore, riconosciute come permesso retribuito, nelle quali i volontari Tesmec hanno affiancato e supportato onlus e associazioni no profit di Bergamo, Lecco, Milano, Frosinone, Padova, Fidenza, Monopoli e Napoli.

I nuovi progetti hanno ampliato ulteriormente l’orizzonte di intervento negli ambiti della lotta alla marginalità, alla povertà e al disagio sociale e della responsabilità e promozione sociale.

In occasione dell’International Volunteer Day 2023, il Gruppo Tesmec S.p.A., leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree, interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di dati e di materiali (petrolio e derivati, gas e acqua), nonché di tecnologie per la coltivazione di cave e miniere di superficie, consolida ulteriormente il proprio impegno per uno sviluppo sostenibile, presentando le nuove iniziative di volontariato attuate con il supporto dei propri dipendenti, che nel corso dell’anno hanno affiancato alcune importanti onlus e organizzazioni no profit operanti in differenti ambiti, attive nei territori delle diverse sedi italiane del Gruppo.

A seguito dell’avvio di 7 nuove iniziative, il Gruppo può ora contare su un totale di ben 17 progetti complessivi attivi nel 2023, negli ambiti della lotta alla fragilità, alla marginalità e al disagio sociale; della vendita di prodotti solidali; della prevenzione ed inclusione sociale per minori ed anziani; oltre che del recupero scolastico, dell’inserimento nel mondo del lavoro e del coinvolgimento e miglioramento delle competenze trasversali dei giovani.

I diversi progetti di solidarietà, tutti sviluppati grazie all’impegno delle persone del Gruppo, hanno previsto nel corso dell’anno un totale di ben 600 ore di volontariato aziendale che sono state riconosciute da Tesmec come permesso retribuito.

Attraverso queste iniziative, che hanno offerto ai dipendenti del Gruppo l’opportunità di dare un contributo concreto alla cultura della solidarietà, Tesmec ha quindi rafforzato ulteriormente l’integrazione dei due Sustainable Development Goal delle Nazioni Unite, parte del Piano di Sostenibilità del Gruppo dal 2022: l’SDG 4, relativo all’istruzione di qualità (per “garantire un’istruzione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento continuo per tutti”), e l’SDG 8, relativo al lavoro dignitoso e alla crescita economica (per “incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti”).

È proprio nell’ottica di questi obiettivi che si inserisce la storia di opportunità e inclusione di Sasha Manchyk, fuggito con la sua famiglia dall’Ucraina bombardata, e che oggi, dopo un percorso di formazione, è dipendente a tempo indeterminato presso Tesmec Rail, grazie anche all’aiuto della Caritas Diocesana di Monopoli con cui Tesmec collabora da anni.

Il Presidente e Amministratore Delegato Ambrogio Caccia Dominioni ha commentato: “Il percorso di sviluppo sostenibile collegato alle iniziative di volontariato, intrapreso a partire dal 2022, ha rappresentato una tappa fondamentale per il nostro Gruppo e il rafforzamento realizzato quest’anno ci rende particolarmente orgogliosi. Grazie al lavoro sviluppato dal nostro gruppo Risorse Umane, questi progetti hanno, infatti, reso protagonisti i nostri dipendenti, che si sono dimostrati sin da subito molto interessati e coinvolti nelle diverse attività. Crediamo che il volontariato sia un’opportunità per tutti di fare la differenza, un modo fondamentale per costruire un mondo migliore per noi e per le generazioni future. Per questa ragione, anche per il futuro vogliamo continuare a creare nuovi legami, sviluppare reti sociali e impegnarci per costruire un futuro prospero e sostenibile in contesti di fragilità, oltre che nel territorio di Bergamo, anche nelle aree di maggior sofferenza del territorio italiano e delle sedi estere del Gruppo, sempre nell’ottica di costruire un modello virtuoso che si propone di rimodulare il concetto di lavoro e quello di volontariato, rafforzando il nostro Piano di Sostenibilità.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here