Treni e aree montane: 12 linee ferroviarie ‘sospese’

317

Dodici linee ferroviarie ‘sospese’, fermate per diversi motivi negli ultimi 15 anni, in Piemonte sono una emergenza. Di democrazia, di servizio, di diritti di cittadinanza. Uncem sostiene da tempo che la ferrovia è il mezzo centrale contro la crisi climatica e che tutte le linee andrebbero riaperte. Oltre che costruite di nuove, come lungo il novecento ci hanno insegnato generazioni di Politici lungimiranti. Siamo come Uncem molto soddisfatti della riapertura della Torino-Ceres dopo l’ammodernamento e l’inserimento nella rete nazionale con l’arrivo di Trenitalia. Ma ora non possiamo accettare che vi sia un treno verso Ceres all’ora. Troppo poco. Non va bene. Non deve accettarlo la Città di Torino, la Sala Rossa, le Datoriali, le Associazioni di categoria. Scendano in campo. Torino Città europea deve fare di tutto per avere i treni sempre fino in valle e non solo ogni 15 minuti verso l’aeroporto. Quindi azioni necessarie anche di marketing e promozione per portare tutti i treni in valle. Vince il Piemonte. Marketing significa che togliamo auto dalle complicate strade delle valli e facciamo pacchetti turistici integrati – VisitPiemonte scenda in campo – da vendere in tutto il Piemonte, in Italia, all’estero, con gli operatori turistici e i ristoranti. Si arriva a ceres e con navette si sale verso le tre valli. Navette che possono anche essere treni che poi con ruote arrivano su strada. È già presente. Se poi Trenitalia vuole avere il futuro in mano, faccia come TreNord in Val Camonica, portando treni a idrogeno nelle Valli di Lanzo. Torino e le Valli di Lanzo devono essere più vicine. Con tutti i treni per i pendolari, chi studia e chi lavora, nonché mezzi su ferro che arrivano nella culla dello sci moderno e nei luoghi dove è nato il turismo montano”.

Lo affermano Roberto Colombero, Presidente Uncem Piemonte e Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem.

Che proseguono: “ieri sera abbiamo anche appreso dal Sindaco Giorgio Ferraris che procede il percorso per portare un’operatore nuovo, privato, a gestire le linee Ceva-Ormea e Cuneo-Saluzzo-Savigliano. Molto bene. I treni storici usati negli ultimi anni su queste tratte hanno permesso di avere una manutenzione su sedime e binari che oggi diventa strategica per il nuovo vettore, sul quale lavora anche l’Agenzia regionale per la Mobilità, che Uncem ringrazia”. “L’arrivo nel pezzo di Alpi al confine con la Liguria della Longitude Srl – ribadiscono Colombero e Bussone – fa ben sperare. È una grande notizia per dare servizi veri ai territori. Nuovi operatori di trasporti, in Val Tanaro come nelle Valli Occitane, che possono usare sistemi integrati, gomma e ferro, servizi turistici avanzati, lavorare bene con le Istituzioni. La ferrovia è troppo importante per montagne moderne, vissute, comunità vive, nuovo turismo sostenibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here