Aggiudicati i lavori per il completamento della Galleria della Guinza sulla E78 Fano-Grosseto

448

“Questo 2023 si conclude con un’altra bella notizia per le infrastrutture delle Marche: proprio in queste ore sono stati aggiudicati i lavori per il completamento della galleria della Guinza. Un’opera attesa da decenni che ci permetterà di sbloccare un’infrastruttura, la E78 Fano-Grosseto che sarà capace di spezzare l’isolamento dei nostri territori e di unire le Marche con Umbria e Toscana, l’Adriatico con il Tirreno”. Questo il commento dell’assessore regionale alle infrastrutture Francesco Baldelli alla notizia, di queste ore, che Anas S.p.A ha aggiudicato i lavori per il completamento della galleria della Guizza e del tratto fino a Mercatello ovest dell’itinerario internazionale E78 Fano-Grosseto.

“Siamo già al lavoro per il completamento anche degli altri lotti – continua l’assessore Baldelli – perché questa grande infrastruttura diventi, passo dopo passo, una realtà concreta. Perché sognare significa programmare, fare progetti e lavorare con determinazione per raggiungere risultati tangibili. Risultati che, in questo caso, significano nuove opportunità di sviluppo per combattere le disuguaglianze territoriali, dare alle nostre imprese nuove opportunità di ricchezza e ai nostri giovani nuove opportunità di lavoro. E con i lavori alla Guinza, già solo con l’avvio del cantiere, avremo benefici immediati: basti pensare ai fornitori di servizi e a tutto l’indotto”. Ad aggiudicarsi l’appalto la ditta C.E.C.  – Consorzio stabile Europeo Costruttori Soc. Cons. a r.l. che ha offerto un ribasso del 14,7% sulla base d’asta di oltre 94 milioni. Per un’opera dal valore complessivo di 120 milioni di euro. “Ringrazio il presidente Giorgia Meloni e il governo che, sin dall’insediamento, hanno dimostrato concretamente l’importanza della questione Centro Italia, del divario tra costa ovest e costa est, stanziando da subito le risorse. Ringrazio Anas S.p.A. per il lavoro che sta svolgendo. Un bellissimo modo per chiudere il 2023 e inaugurare il 2024 con la nostra politica dei fatti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here