Chiusura Gazzetta del Mezzogiorno: una grave perdita

212

“Quanto accaduto a La Gazzetta del Mezzogiorno ha diverse cause. Troppo semplicistico ridurle alla crisi che ha investito l’editoria in Italia e nel mondo. La verità è che la Edime – il gruppo che ha rilevato il giornale solo due anni fa acquistandolo dal tribunale fallimentare – avrebbe dovuto investire, ma si è limitato a gestire passivamente una situazione come se il settore dei giornali non fosse travolto dalle difficoltà”.

Lo sostiene Pino Giordano, Segretario Provinciale dell’Ugl Matera il quale aggiunge che, “l’azienda ha palesato, durante questi due anni, carenze conoscitive del comparto che si sono esplicitate nella totale assenza di marketing, in una distribuzione approssimativa del quotidiano sul territorio, nella mancata volontà di sviluppare l’informazione cross mediale intensificando l’attività sul web. Smantellare le redazioni periferiche, tra cui quella della Basilicata – aggiunge il sindacalista – , significa per l’Ugl Matera sconfessare la storica mission del giornale stesso, quella di raccontare il territorio dal di dentro e non, come accadrà con l’accentramento a Bari, attraverso comunicati e lanci di agenzia. Alla luce di tutto ciò, non vorremmo che l’intera operazione di acquisizione del giornale sia solo il frutto di un interesse immobiliare legato alla storica sede della Gazzetta, in viale Scipione l’Africano, a Bari. Edificio che si intende trasformare in un centro direzionale particolarmente appetibile per la sua posizione centrale. Un business  – tuona forte e chiaro il Segretario Ugl, Giordano – sulla pelle di 40 famiglie aggrappate ora alla Cassa integrazione a zero ore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here