Olocausto: salvaguardare i siti e la memoria

189

Per celebrare la Giornata internazionale in memoria dell’Olocausto (27 gennaio 2024), Commissione UE, Presidenza del Consiglio europeo e International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) hanno organizzato la Conferenza “Ricordare il passato. Plasmare il futuro” (Bruxelles, 23 gennaio 2024) incentrata sull’importanza di salvaguardare i siti legati all’Olocausto e di affrontare i rischi che corrono nel mondo d’oggi

In vista della Giornata internazionale in memoria dell’Olocausto (International Holocaust Remembrance Day), istituita con la risoluzione 1° novembre 2005 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che commemora il 27 gennaio di 79 anni fa, quando l’Armata Rossa abbatté i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, rivelando compiutamente al mondo l’orrore della Shoah (Olocausto).

Sono numerose le iniziative che si svolgeranno nel corso della settimana sia a livello internazionale che nazionale, nonché a livello locale, per commemorare la ricorrenza e che quest’anno ha per tema “Riconoscere il coraggio straordinario delle vittime e dei sopravvissuti all’Olocausto”, scelto dall’United Nations Holocaust Memorial Center per rendere omaggio a tutti coloro che si opposero ai nazisti, nonostante i gravi rischi in cui incorrevano.

La Cerimonia ufficiale avrà luogo venerdì 26 gennaio 2024 alle Nazioni Unite, ma martedì 23 gennaio 2024 a Bruxelles, ospitata dalla Commissione UE e dalla Presidenza belga del Consiglio dell’UE, in collaborazione con l’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) il Forum intergovernativo fondato nel 1998, che unisce i governi e gli esperti per rafforzare, promuovere e divulgare sulla Shoah, avrà luogo la Conferenza sulla memoria dell’Olocausto “Ricordare il passato. Plasmare il futuro”.

La Conferenza, che rientra nell’ambito delle attività previste dalla Strategia dell’UE sulla lotta contro l’antisemitismo e sul sostegno alla vita ebraica (2021-2030), avrà come punto centrale la promozione della memoria attraverso gli sforzi per salvaguardare i siti dell’Olocausto. Nel corso dell’evento saranno presentate la Carta IHRA per la salvaguardia dei siti dell’Olocausto, e la Bruxelles IWalk, un’app interattiva per incoraggiare a visitare i luoghi e ad educare virtualmente sulla realtà dell’Olocausto..

La Conferenza sarà aperta da Margaritis Schinas, Vicepresidente della Commissione per la promozione del nostro stile di vita europeo; a cui faranno seguito Marie-Colline Leroy, Segretario di Stato per l’uguaglianza di genere, le pari opportunità e la diversità del Belgio; Sara Lustig e Terezija Gras, Co-presidenti della Presidenza croata dell’IHRA, Sergey Lagodinsky, Vicepresidente del gruppo di lavoro del Parlamento europeo contro l’antisemitismo; e Dani Dayan, Presidente di Yad Vashem. Nel corso della Conferenza interverranno Regina Sluszny, sopravvissuta all’Olocausto, e Katharina von Schnurbein, Coordinatrice per la lotta all’antisemitismo e la promozione della vita ebraica.

Una Tavola Rotonda presenterà le diverse prospettive dei numerosi professionisti, volontari e membri della comunità locale che hanno dedicato la propria vita alla protezione dei siti dell’Olocausto e alla memoria dell’Olocausto, tra cui Laurent Moyse, Presidente della Fondazione lussemburghese per la Memoria della Shoah, Simonetta Della Seta, Presidente del gruppo di lavoro Musei e memoriali dell’IHRA e Veerle Vanden Daelen, Presidente del progetto IHRA per il monitoraggio dell’accesso alle collezioni dell’Olocausto.

La Conferenza, nel corso della quale ci saranno intermezzi musicali e la cerimonia di accensione delle candele, sarà trasmessa in streaming a partire dalle ore 18.00.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here