Porto di Ancona, ADSP: estese al 31 dicembre le concessioni demaniali marittime turistico-ricreative

235

Il Comitato di gestione approva la proroga al 31 dicembre 2024. Il Presidente Garofalo ha aggiornato il Comitato di gestione sulla vicenda del Mar Rosso, confronto costante con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

 

Il Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale ha approvato ieri l’ordinanza per l’estensione delle concessioni demaniali marittime turistico-ricreative al 31 dicembre 2024. Il provvedimento riguarda le concessioni per la gestione di stabilimenti balneari, di attività di ristorazione, di gestione di approdi turistici e punti di ormeggio, di specchi acquei utilizzati con finalità diportistiche non a scopo di lucro, di associazioni di pesca sportiva oltre ad associazioni e circoli nautici che gestiscono specchi acquei con finalità di diporto.

Nel complesso, secondo una verifica attuata a dicembre dall’Adsp e un confronto con gli Enti territoriali, sono 160 i soggetti interessati, sulla base della legge 118 del 2022, in tutto il sistema portuale.
“E’ un argomento molto complesso, caratterizzato da una grande incertezza e contraddittorietà del quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento, sul quale il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato, su richiesta di Assoporti, un atto di indirizzo – ha detto il Presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, Vincenzo Garofalo -. Una materia su cui è in corso l’interlocuzione fra il Governo e la Commissione europea e sulla quale ci siamo allineati a quanto disposto efficacemente anche da altre Autorità di sistema portuale”. Sulla Bolkestein, il Governo nazionale ha chiesto alla Commissione Ue altri quattro mesi di tempo per concludere un primo confronto con gli Enti territoriali nell’ambito della Conferenza Unificata al fine della definizione dei criteri per la determinazione della scarsità della risorsa e dei relativi indirizzi di riordino del settore.

Il Comitato di gestione ha, inoltre, approvato il Codice di comportamento dei dipendenti dell’Adsp e il Piano integrato di attività e organizzazione 2024-2026, su cui ieri ha espresso parere positivo anche l’Organismo di partenariato risorsa-mare. Il Piao, ha sottolineato il Presidente Garofalo, “è un atto che spinge la pubblica amministrazione a migliorarsi continuamente in efficienza ed efficacia, nel rapporto con i cittadini e con le imprese e nell’informare con trasparenza sulle proprie attività”.

Il Presidente Garofalo ha poi informato il Comitato di gestione dell’approvazione del Bilancio di sostenibilità dell’Autorità di sistema portuale, che approfondisce gli aspetti di sostenibilità economica, sociale ed ambientale, e ha aggiornato i componenti sulla difficile situazione nel mar Rosso, che sta influenzando l’andamento dei traffici marittimi. “Abbiamo già avuto un confronto, insieme a tutte le Adsp, con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ci ha chiesto di monitorare costantemente su quelle che possono essere le ricadute sulla portualità italiana – ha detto il Presidente -. C’è una forte attenzione sulla vicenda, ovviamente dal punto di vista umanitario. Il Governo sta tenendo sotto osservazione quanto sta accadendo nell’area del mar Rosso, dove si è creata una nuova situazione complessa che dobbiamo purtroppo affrontare come già successo in questi anni con la pandemia da Covid prima e poi con la guerra fra Russia e Ucraina”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here