Logistica, si mettono a sistema gli interporti di Trieste, Cervignano e Sdag di Gorizia

216

“Un accordo di grande rilievo, capace di mettere a sistema una serie di elementi e linee operative che consentiranno la complementarietà dei servizi offerti dai tre Interporti, considerando in particolare l’opportunità di offrire agli operatori economici, nazionali e internazionali, un ventaglio di opportunità sui vari servizi offerti per migliorare i traffici della portualità regionale. Come per esempio, il polo del freddo per l’agroalimentare, che si sviluppa più su Trieste e Gorizia, rispetto ad altri servizi più strettamente collegati alle attività industriali del Punto franco e di altre attività del Porto di Trieste”.

L’assessore alle Infrastrutture e territorio Cristina Amirante

Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, Cristina Amirante, a margine della firma dell’accordo tra gli Interporti di Trieste, Cervignano e Sdag di Gorizia.
L’intesa prevede una stretta collaborazione commerciale, una promozione unitaria alle fiere, un comune sito web e lo scambio di informazioni operative. Con il patto sottoscritto i tre Interporti, vista la complementarità dei servizi offerti, mirano a presentarsi come un soggetto unico sul mercato, pur mantenendo l’autonomia delle singole realtà, per affrontare le sfide di una logistica in profondo e veloce cambiamento.

A oggi i tre interporti unitariamente gestiscono aree per 1,5 milioni di metri quadrati, 160.000 metri quadrati di magazzini, 65.000 metri quadrati di aree coperte e una rete ferroviaria con 22 binari, assicurando un’offerta di servizi logistici che spaziano dal polo del freddo alimentare allo smistamento di autovetture agli insediamenti industriali nel Punto Franco di FREEeste.

“Una sinergia – ha rimarcato Amirante – che rappresenta un valore aggiunto indispensabile per la rete della logistica del Friuli Venezia Giulia e che punta a un ulteriore rapporto di collegamento con l’Interporto di Pordenone che ha un’importante vocazione logistica di retroporto nel sistema regionale in una sinergia sempre maggiore con gli altri tre poli interportuali della regione”.

“Un ottimo punto di partenza – ha sottolineato l’assessore riferendosi all’accordo sottoscritto – per una stretta collaborazione sulla quale la Regione sta fortemente facendo leva attraverso la propria pianificazione e la propria attività in ordine allo sviluppo e alla interoperabilità tra le diverse infrastrutture logistiche del sistema Friuli Venezia Giulia. L’accordo, oltre a migliorare la competitività logistica del sistema, punta anche ad attrarre nuove iniziative imprenditoriali creando ulteriori opportunità di lavoro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here