Torna il Pink Motor Day

279

È giusto parlare ancora oggi in Italia di gender gap sociale, salariale e professionale? In che cosa consiste? Come è possibile colmare questo divario?
A queste e ad altre domande intende offrire risposte concrete la terza edizione del Pink Motor Day, l’evento promosso dalla rivista Fleet Magazine in collaborazione con l’Osservatorio Top Thousand, in programma il prossimo 7 marzo (dalle ore 16) a Milano presso Le Village by CA (Corso di Porta Romana, 61).

Dopo aver tracciato nelle precedenti edizioni il percorso professionale delle donne nel mondo automotive e aver approfondito il loro contributo allo sviluppo del settore, quest’anno l’evento si focalizzerà proprio sul gap che sussiste tra i due generi, su come si manifesta nella vita lavorativa di tutti i giorni e sulle possibili strade per superarlo.
L’appuntamento, promosso con il patrocinio delle Associazioni ANIASAUNRAE e Valore D, sarà animato da 4 panel che vedranno alternarsi manager del settore automotive, imprenditrici, fleet manager, giornaliste: donne con età, esperienze e ruoli differenti, accomunate dalla stessa tenacia e determinazione.

“Parliamo di soldi”
Nel 2023 il Nobel per l’economia è andato alla professoressa di Harvard Claudia Goldin per il suo paper sulle disuguaglianze di genere, un tema ancora oggi di stretta attualità se è vero che il divario di retribuzione risulta maggiore tra le professionalità di più alto profilo (per i manager raggiunge il 45% – Fonte Eurostat). Ne discuteranno, partendo da un’analisi dei dati disponibili sul tema, Barbara Falcomer – Managing Director Valore D, Alessia Cappello – Assessora del Comune di Milano allo Sviluppo Economico e alle Politiche del Lavoro, Rita Querzè – giornalista del Corriere della Sera e autrice del libro “Donne e lavoro. Rivoluzione in sei mosse”, Manuela Palmieri – Global Operations, Collection & Insurance Director di Arval Italia, Massimiliano Maini – Vice President SIXT Italia.

Mobilità aziendale: “chi decide come ci spostiamo?”
Il travel management registra storicamente una forte presenza femminile in ambito aziendale, mentre le attività di fleet management sono da sempre prerogativa più maschile. Si parla ormai frequentemente di integrazione tra questi due mondi, cosa che preluderebbe a una maggiore collaborazione fra i sessi. Anche in questo caso i soldi e l’attenzione ai costi risultano componenti fondamentali insieme alla sostenibilità. Approfondiranno questi argomenti quattro protagoniste del mondo flotte e noleggio: Alessandra Agostini – Chief Commercial Officer di Athlon Italia, Biancamaria Caroli – Fleet&Mobility Management Terna, Laura Spatola – Head of Sales NBT di Noleggiare e Rachele Mancinelli – Executive Assistant, Travel Mobility Manager Guala Closures Group

Filiera mobilità: “roba da maschi”?
Solo il 5,7% delle concessionarie ha come responsabile service una donna, così come solo il 16,1% delle officine autorizzate è gestito da una donna. Ma è poi così scontato che quando compriamo o noleggiamo un’auto lo dobbiamo fare con un uomo? Ad affrontare il tema saranno Cristiana Petrucci – Responsabile Centro Studi e Statistiche Unrae, Marco Olcelli – Fleet & Logistic Manager di Fratelli Giacomel, Ilaria Bono – People, Legal & Compliance General Manager di Toyota Motor Italia ed Enza Di Paola – Fleet&Mobility Manager Comoli, Ferrari e C. spa.

Comunicazione: “come parliamo di mobilità?”
Per decenni la pubblicità auto è stata espressione di sessismo, mettendo in mostra donne incapaci di guidare e promuovendo un’immagine della donna come bene di consumo. Su come sta cambiando la comunicazione e quanto resti ancora da fare per eliminare una visione femminile stereotipata si confronteranno tre esperte di comunicazione: Maria Leitner – Giornalista TG2, Conduttrice e curatrice TG2 Motori, Monica Secondino – giornalista automotive e Juror for the Women’s World Car Of The Year, Elisabetta Cozzi – Director Museo Fratelli Cozzi.

L’evento, su invito, è promosso anche grazie alle aziende partner Arval, Athlon, Fratelli Giacomel, Noleggiare, SIXT e Toyota.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here