Trieste il rilancio del Porto Vecchio

364
Il taglio del nastro della bretella di Porto Vecchio a Trieste

“Questo è un momento importante con ricadute
positive per l’intera comunità regionale e non soltanto per
Trieste, perché il rilancio del Porto Vecchio è un’operazione di
tale rilevanza da non riguardare soltanto il capoluogo regionale,
che sicuramente è il primo beneficiario dell’intervento di oggi e
presto lo sarà anche dei molti altri previsti in quest’area, la
quale nel giro di qualche anno cambierà completamente volto.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo
Roberti durante l’inaugurazione della bretella e della pista
ciclabile che si sviluppano attraverso Porto Vecchio,
recentemente ribattezzato Porto Vivo, da largo città di Santos
fino alla nuova rotatoria in viale Miramare, alla quale hanno
preso parte, tra gli altri il sindaco di Trieste Roberto
Dipiazza, assieme a numerosi componenti della Giunta comunale e
al presidente del Consiglio comunale Francesco Di Paola Panteca.

Roberti ha evidenziato che “oggi viene riconsegnata alla città
una parte importante e molto suggestiva di territorio, ma sono
molti gli interventi che si stanno concentrando nel sito di Porto
Vecchio: il progetto per la riqualificazione di largo Santos è
già stato presentato ed è già previsto che in quest’area trovi
spazio anche una stazione dei Carabinieri. Inoltre, questi spazi
ospiteranno, grazie a un’imponente operazione di recupero dei
vecchi magazzini, gli uffici della Regione”.

L’assessore ha quindi spiegato che “per la creazione della sua
nuova sede l’Amministrazione regionale ha investito a 150 milioni
di euro; un’operazione su ampia scala che fa ben comprendere
l’importanza di questo sito per l’intero Friuli Venezia Giulia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here