Il New York Times celebra l’Abruzzo e i suoi vini

223

Eric Asimov, uno dei più importanti giornalisti enogastronomici internazionali, consacra l’Abruzzo come regione dove trovare alta qualità

Ciò che sta succedendo nella scena vitivinicola abruzzese è entusiasmante e non solo per quanto riguarda i vini rossi. L’Abruzzo produce tra i migliori vini bianchi d’Italia e i suoi Cerasuolo d’Abruzzo hanno grande personalità”.

Con queste parole Eric Asimov, uno dei più importanti scrittori enoici del panorama statunitense e riconosciuto in tutto il mondo, ha aperto il suo articolo dedicato all’Abruzzo intitolato “To Find Great Values in Italian Wine, Look to Abruzzo”, che ben sintetizza i grandi passi avanti in termini di qualità fatti dalla regione.

Nel suo articolo celebra alcune delle tante famiglie che, con grande coraggio e innovazione, stanno apportando un cambiamento all’interno del panorama enologico della regione, esprimendo – al contempo – identità e coerenza con quelle che sono la storia e le tradizioni.

Un ritratto che esprime tenacia ma anche attaccamento al territorio e la voglia di emergere con vini che possono esprimere il carattere delle uve autoctone, dal Montepulciano D’Abruzzo al Trebbiano D’Abruzzo, con vini moderni e profondamente identitari.

“Questo genere di endorsement conferma che stiamo andando nella giusta direzione – dichiara Alessandro Nicodemi, presidente del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo – la spinta verso la qualità, la definizione delle sottozone e la revisione dei disciplinari con l’introduzione della menzione superiore aiuteranno i nostri produttori a specializzarsi sempre di più. Auspichiamo una grande crescita per il nostro territorio e siamo contenti che anche Oltreoceano si stiano sempre più interessando ai nostri progetti vitivinicoli.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here