Disservizi compagnie aeree e aeroporti: tutti i dati del 2023

229

163 milioni di euro di risarcimento per i disagi aerei del 2023. ItaliaRimborso rivela tendenze e prospettive del settore aereo italiano. Il 50% dei voli con disservizi sono Wizzair o Ryanair

ItaliaRimborso, mediante un’analisi dettagliata dei dati, rivela che ben 650.000 viaggiatori in Italia hanno la possibilità di richiedere rimborsi o risarcimenti conformi al Regolamento 261/04 e alla Convenzione di Montreal in caso di inconvenienti causati dalle compagnie aeree. Nel corso del 2023, si prevede che tali disfunzioni genereranno richieste di risarcimento ammontanti complessivamente a 163 milioni di euro, secondo quanto emerge dal report 2023 di Italia Rimborso Data. Questo studio, condotto con precisione e supportato dalla tecnologia, ha analizzato con attenzione i disservizi aerei, compresi voli cancellati o in ritardo, overbooking e problemi relativi ai bagagli in Italia.

Tra le prime quindici compagnie aeree per disservizi, basate su oltre 50.000 segnalazioni degli utenti, spiccano Wizzair e Ryanair nel settore dei disagi nei voli, rappresentando oltre il 50% dell’intero mercato dei problemi nei voli in Italia. Ryanair si conferma anche la compagnia con il maggior numero di ritardi. Tuttavia, Transavia si distingue come la compagnia con il minor numero di disservizi ai passeggeri in Italia.

Un’analisi approfondita è stata dedicata alle compagnie aeree italiane, con Ita Airways che si distingue per il maggior numero di passeggeri trasportati, mentre Neos per i collegamenti verso l’estero. Aeroitalia ha completato il suo primo intero anno di operazioni nel 2022. Air Dolomiti ha la percentuale più alta di voli cancellati tra le quindici compagnie del report, mentre SkyAlps ha ottenuto il proprio certificato di operatività.

L’attenzione si è poi spostata agli aeroporti, non direttamente responsabili dei disservizi aerei ma comunque coinvolti nei viaggi dei passeggeri. Fiumicino è l’aeroporto con più passeggeri, mentre Malpensa è quello con il maggior numero di disservizi. Nei dieci aeroporti italiani con più disservizi, emerge che in quasi tutti il numero di voli in ritardo supera quello dei voli cancellati, con l’eccezione di Milano Linate e Napoli. La novità del 2023 è rappresentata proprio dalla presenza di Milano Linate, che, pur essendo una new entry, si piazza subito al quarto posto della particolare classifica dei disservizi riscontrati da ItaliaRimborso, con il notevole numero dei voli cancellati.

Le principali rotte colpite da problemi nei servizi aerei risarcibili includono gli aeroporti di Milano Malpensa, Catania e Lamezia Terme. La tratta con maggiori disservizi è stata la Catania-Malpensa, influenzata dalla vasta scelta di velivoli delle compagnie Wizzair, Ryanair ed Easyjet. Per quanto riguarda le tratte dall’Italia a destinazioni straniere, la rotta Roma Fiumicino-Barcellona si distingue per il maggior numero di inconvenienti aerei risarcibili.

ItaliaRimborso ha inoltre analizzato l’impatto della Riforma Cartabia, che ha introdotto le conciliazioni obbligatorie come fase preliminare ai procedimenti giudiziari, valutando le tempistiche relative ai casi di disagi aerei con risarcimenti da 250 euro.

Guardando al futuro, nel 2024, si prevedono significative novità con l’inaugurazione dell’aeroporto di Salerno e l’arrivo di Ryanair all’interno dell’aeroporto di Reggio Calabria. Tirana, la capitale dell’Albania, emerge come una destinazione turistica sempre più popolare tra gli italiani, grazie all’incremento della copertura aerea. Wizzair si conferma protagonista nella connessione tra Italia e Albania, che adesso vedrà anche i collegamenti attraverso Ryanair, evidenziando un’evoluzione significativa nel panorama aereo italiano.

«I dati emersi dal report 2023 di ItaliaRimborso Data – afferma Felice D’Angelo, ceo di ItaliaRimborso – rivelano una realtà significativa e, purtroppo, confermano le sfide affrontate dai viaggiatori italiani a causa di inconvenienti causati dalle compagnie aeree. È allarmante constatare che ben 650.000 viaggiatori in Italia hanno subito disservizi nei loro viaggi, con richieste di risarcimento stimate a un totale di 163 milioni di euro nel corso del 2023. Questo sottolinea l’importanza di garantire ai passeggeri il diritto a rimborsi o risarcimenti disciplinati dalla normativa europea».

L’amministratore della claim company poi prosegue: «Il report rappresenta un appuntamento importante per la nostra realtà, mettendoli a disposizione per la collettività per materia di studio e approfondimenti. ItaliaRimborso rimane impegnata nel garantire i diritti dei passeggeri e lavorerà attivamente per assicurare ai viaggiatori quanto previsto dalla legge».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here