Metodo Classico Brut Sboccatura Tardiva e Colonia Chianti Classico Gran Selezione DOCG: i due vini di Fèlsina per celebrare la Pasqua

746

Metodo Classico Brut Sboccatura Tardiva, bollicina a tutto pasto e dal perlage finissimo, e Colonia Chianti Classico Gran Selezione DOCG, il rosso intenso e iconico dell’azienda. Questi i vini per festeggiare la Pasqua 2024 suggeriti da Fèlsina, storica azienda di Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena, situata in un territorio di confine tra Chianti Classico e Crete Senesi.

 

Il Metodo Classico Brut Sboccatura Tardiva è la bollicina d’eccezione di Fèlsina, che unisce l’eleganza del Pinot Nero (20%) e dello Chardonnay (20%) all’intensità e alla freschezza del Sangiovese (60%), uvaggio con cui l’azienda ha scritto la sua storia.

Il vino rimane a contatto con i lieviti per 10 anni, mantenendo intatte le sue caratteristiche di grande beva e mineralità e sviluppando una personalità unica. Dopo la pressatura soffice delle uve il mosto ottenuto viene fatto fermentare a temperatura controllata e l’imbottigliamento avviene nella primavera successiva. Dopo circa 120 mesi di affinamento si procede quindi al dègorgement e alla colmatura, senza dosaggio zuccherino.

Giallo paglierino con riflessi dorati, il Metodo Classico Brut Sboccatura Tardiva al naso si rivela intenso, con note floreali e di frutta secca, alle quali si aggiungono profumi che ricordano la pasticceria. In bocca è secco, dall’ottima acidità, con richiami di frutta candita. Un vino perfetto per i brindisi in famiglia, ma adatto anche ad accompagnare antipasti e portate come primi di pesce, ad esempio una pasta allo scoglio o un guazzetto, e secondi come una rana pescatrice con riduzione di curry e menta.

 

Colonia è un Chianti Classico Gran Selezione DOCG da uve che vengono coltivate sulla sommità del Poggio a Rancia, circondate dal bosco e su terreni di colore bruno rossastro ricchi di magnesio, ferro, alberese e marna calcarea, diversi da qualunque altro a Fèlsina.  Il vigneto prende il nome da un’antica colonia elioterapica e nasce dal duro lavoro di reimpianti iniziati nel 1966 da Domenico e suo figlio Giuseppe, abbandonato per le difficoltà nello scasso e ripreso dal nipote Giovanni nel 1991.

Colonia è diventato così il simbolo del passaggio di consegna tra le tre generazioni Poggiali, che qui hanno unito le forze mettendo a dimora le barbatelle nel 1993, poco prima della morte di Domenico. Dopo la prima raccolta nel 1997, solo nel 2006 viene imbottigliata la prima annata, libera da qualunque classificazione per una casualità che la rende ancora più unica, diventando Chianti Classico già dall’annata successiva. La produzione è limitata ad un massimo di 6.000 bottiglie, numerate, riservate a veri amanti del Sangiovese e vuole essere una dedica speciale da Giovanni al nonno Domenico.

Dal colore rosso rubino intenso, Colonia è un vino intenso, complesso, che spazia dalle note di terra allo speziato, dal minerale al tabacco, accompagnato da piacevoli sentori di frutti di bosco. Perfetto l’abbinamento con i grandi piatti di carne come le pappardelle al cinghiale o secondi piatti come la classica bistecca fiorentina, porchetta e tagliata di manzo.

 

Due chicche enologiche che contraddistinguono la produzione di Fèlsina, perfette per accompagnare il pranzo pasquale e celebrare un momento speciale con i propri cari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here