Fiduciaria premiata per aver portato il nome Marche a livelli internazionali

240

Importante riconoscimento per i 50 anni dalla fondazione. L’emozione del Presidente Vico e la motivazione internazionale

Un premio ricevuto nella propria regione, durante l’evento ufficiale “Gran Gala delle
Marche”, quest’anno tenutosi al Teatro La Fenice di Osimo, costituisce un importante
riconoscimento per i 50 anni di attività della Fiduciaria Marche.
Riconoscimento soprattutto per l’impegno mantenuto da parte della Fiduciaria, in netta
crescita ed espansione internazionale in questi ultimi anni, a lasciare nel logo e
nell’intitolazione la parola “Marche” a simboleggiare – come ha detto il Presidente Valerio
Vico non senza l’emozione del momento – l’attaccamento alle proprie origini marchigiane
ed anconitane e il forte legame con il territorio. Mai tralasciato nella gestione di una
clientela che va oltre i confini nazionali e abbraccia ad esempio le piazze affari di
Montecarlo, Svizzera, San Marino, Lussemburgo Londra, tanto per citare i luoghi
frequentati spesso dalla Fiduciaria Marche, oltre naturalmente alla Borsa di Milano ed altre
importanti sedi prestigiose. A proposito di prestigio: il premio non a caso porta il nome di
“Premio Marche Prestigio 2024”.
La statuetta consegnata al Presidente Valerio Vico, sul palco insieme al socio e
componente della governance della Fiduciaria Marche, Francesco De Benedetto, è opera
dell’artista Nazzareno Rocchetti ed è stata assegnata con la seguente motivazione: “La
Fiduciaria Marche è un soggetto istituzionale che da oltre 50 anni garantisce e tutela
capitali, beni ed opere d’arte di una clientela marchigiana, nazionale ed internazionale che
segue negli affari economici e finanziari, passaggi generazionali e pianificazioni
patrimoniali, ricoprendo il ruolo di trustee in trust collocati in tutta Italia, operando anche
come sostituto d’imposta per attività detenute all’estero. L'indipendenza della Fiduciaria
Marche le permette di operare in tutte le principali piazze finanziarie italiane ed estere con
la massima riservatezza e legalità rendendola un'eccellenza nel settore economico-
finanziario per la sua affidabilità e la reputazione raggiunta”. La notizia è stata salutata
dagli altri componenti della governance, ad iniziare dall’amministratore delegato Federico
Barbieri, a Mario Giugliarelli, Pietro Giugliarelli e Massimo Saracini. La Fiduciaria Marche
sta lavorando a due eventi di notevole importanza quest’anno: l’assegnazione attraverso il
trust internazionale istituito per volontà del filantropo M° Giampiero Mastromei, baritono
argentino che ha lasciato una somma consistente in gestione alla Fiduciaria attraverso un
trust da destinare in beneficenza all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze (dopo che l’anno
scorso la donazione è andata a Casa Verdi di Milano). E la presentazione delle novità
sulla legge “Dopo di Noi” e sulle successioni patrimoniali, oggetto del convegno che si
terrà a giugno a Trieste.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here