Accordo tra Adriabus e Università di Urbino

474

Il progetto di fare di Urbino un centro universitario internazionale passa anche dalla necessità di dare a tutti gli studenti iscritti, nelle diverse sedi e facoltà, il miglior servizio per i loro spostamenti. Nasce così \’una mobilità a misura di studente\’, un accordo che punta a favorire l\’utilizzo degli autobus da parte degli studenti iscritti alla \’Carlo Bo\’. Adriabus, fra le misure volte ad incrementare l’uso del mezzo pubblico, concede all’Ersu la possibilità di fornire, a fronte di un acquisto numericamente consistente, agli studenti universitari abbonamenti scontati per tutte le tratte coperte dai propri servizi nell’intera provincia. Inoltre, Adriabus, garantirà una più ampia fascia oraria di copertura di servizi a chiamata per studenti a r.c.m.
"Questa iniziativa – ha spiegato il presidente di Adriabus, Giorgio Londei – si inquadra nella più ampia gamma di servizi che intendiamo rendere disponibili per gli studenti universitari, nell'ottica di migliorare la qualità dei loro spostamenti e, per quelli non residenti, anche per permettere una permanenza più confortevole nelle sedi di studio, permettendo loro di apprezzare l'universita' di Urbino non solo per le caratteristiche peculiari della formazione ma anche per i servizi che essa può garantire grazie alla sinergia con Enti ed istituzioni della nostra provincia".
Secondo il Rettore dell'Università di Urbino, Stefano Pivato, "quello della necessità di far spostare facilmente gli studenti sta diventando uno dei temi forti della concorrenzialità tra atenei, che si affianca a quello dell'offerta didattica". "Le sedi nelle quali operiamo Fano, Pesaro ed Urbino sono distanti fra di loro – ha aggiunto – per cui abbiamo bisogno di un partner, come Adriabus, presente in modo capillare sul territorio, in modo da vincere anche questa sfida e fare di Urbino un riferimento virtuoso anche quando si parla di mobilità territoriale degli studenti".
"Dovendo pensare ai servizi utili per la totalità degli studenti – ha spiegato Giancarlo Sacchi, presidente dell'Ersu di Urbino – quello della mobilità risulta una delle priorità della nostra azione: attraverso questo accordo confermiamo il nostro impegno versa la popolazione universitaria, raggiungendo anche standard qualitativi di livello europeo. Attraverso l'accordo, tutte le nostre sedi sono facilmente raggiungibili grazie ad un efficiente servizio di trasporto pubblico".
Alla conferenza stampa di presentazione dell'accordo, erano presenti anche alcuni rappresentanti delle amministrazioni comunali che sono sede di corsi di laurea dell'ateneo feltresco. "Uno degli obiettivi che ci siamo posti come amministrazione – ha spiegato Maria Clara Muci, Assessore alle Politiche Sociali del comune di Urbino – è di confermare la nostra città anche come realtà consolidata di ospitalità di giovani studenti provenienti da tutto il mondo. Un risultato che si guadagna giorno per giorno anche attraverso servizi che possono sembrare scontati, ma che invece consentono alla popolazione studentesca di integrarsi perfettamente con il territorio in cui hanno scelto di vivere un periodo importante della loro vita". Secondo l’assessore allo sport, Alessandro Capucci, intervenuto in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Fermignano, "l'accordo sulla mobilità degli studenti universitari vede l’impegno del comune di Fermignano, geograficamente contiguo con il territorio urbinate, a mantenere un circuito di collegamento con l’Università di Urbino e conferma la convinzione che un'organizzazione di rete del servizio trasporti, possa contribuire a garantire un servizio importante alle realtà che geograficamente, ruotano intorno ad un polo formativo di livello internazionale rappresentato dall’ateneo feltresco".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here