Il progetto Sonora e il modello dei distretti Veneti

656

A Portorose un workshop sulla cooperazione economica fra Italia, Austria e Slovenia. Venezia, 01 marzo 2010 – I distretti veneti un modello da esportare per potenziare le infrastrutture e rafforzare la logistica in Europa Centrale. Entra nel vivo il progetto SoNorA – South North Axis – inserito nel programma CENTRAL EUROPE. SoNorA, di cui la Regione Veneto è proponente e lead partner, è un progetto di cooperazione transnazionale che punta allo sviluppo di una rete multimodale di connessione tra il mare Adriatico e il mar Baltico. Lo scopo è migliorare l’accessibilità multimodale all’Europa Centrale ottimizzando i servizi logistici e fornendo indicazioni per una più concreta pianificazione delle infrastrutture viarie e ferroviarie. Il Progetto coinvolge 25 partner, compresa Unioncamere-Eurosportello del Veneto, e interessa geograficamente le aree di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, in Italia, della Repubblica Ceca, Polonia, Austria, Slovenia e Germania.
SoNorA mira a fornire indicazioni utili per facilitare il completamento delle infrastrutture di trasporto, attivare e migliorare i servizi logistici e multimodali per il trasporto merci, sviluppare piani di azione transnazionali per future realizzazioni nonché supportare nuove opportunità di sviluppo regionale grazie a miglioramenti nella rete di trasporto. Attualmente il progetto sta sviluppando raccomandazioni per l’aggiornamento della rete regionale dei trasporti nel contesto della revisione delle reti TEN-T.
La Regione Veneto continua, con questo progetto, la strategia di rafforzamento dell’asse Adriatico-Baltico anche grazie all’esperienza maturata in questi anni durante la gestione, sempre come lead partner, del precedente progetto Interreg “Adriatic-Baltic Landbridge”, inserito all’interno del programma CADSES INTERREG IIIB.
Nell’ambito di SoNorA, il 24 febbraio si è tenuto a Portorose un workshop sulla cooperazione economica regionale e transfrontaliera. Nell’incontro, il secondo di quattro seminari concentrati su specifiche aree geografiche dell’area tra il mar Adriatico e il mar Baltico, si è discusso della cooperazione fra Austria, Italia e Slovenia. I workshop vogliono fornire risposte alle domande delle imprese sulle infrastrutture come prerequisito per le attività economiche; favorire l’integrazione fra soggetti economici ed imprese; raccogliere posizioni comuni nelle tre macroaree del progetto (Germania-Polonia, Polonia-Repubblica Ceca, Austria, Italia e Slovenia).

A Portorose, Unioncamere-Eurosportello del Veneto ha offerto una testimonianza dell’esperienza dei 44 distretti e meta-distretti veneti definendo possibili cooperazioni nell’ambito del progetto attraverso l’identificazione di un settore comune e procedendo con gruppi di lavoro per esaminarne esigenze, localizzazione dei servizi alle imprese e il miglior accesso alle infrastrutture di trasporto e logistica.

La zona di confine Austria, Italia e Slovenia potrebbe essere caratterizzata da elementi specifici per la cooperazione futura in materia di distretti in molteplici settori di attività. Uno strumento come SoNorA può essere quindi utilizzato per favorire, ampliare e documentare il dialogo tra contesti regionali e nazionali, a volte con tradizioni diverse, ma unificati all'interno dello stesso quadrante territoriale in quanto membri di un territorio comune europeo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here