Il Senatore D’Alia sostiene Patrizia Niccolaini

1085

“Tracciare un pronostico sul risultato delle elezioni dei prossimi 28 e 29 marzo è piuttosto complesso, non c’è assolutamente niente di certo anche se una cosa è sicura: il risultato positivo dell’Unione di Centro. Girando per l’Italia mi sono reso conto di quanta simpatia c’è nei nostri confronti per la lealtà e il lavoro svolto negli anni precedenti”. Gianpiero D’Alia, presidente del Gruppo parlamentare dell’UDC in Senato ha un’idea molto precisa delle scelte degli elettori che, secondo il suo parere, capiranno anche le diverse ragioni che hanno portato il partito a stringere alleanze differenti. “La nostra posizione è chiara – afferma – ci presentiamo da soli nel 70% del territorio e in alcune Regioni abbiamo fatto scelte di schieramenti diversi perché sono frutto di coerenza e rispetto per il lavoro svolto negli anni precedenti. Atti di coerenza e lealtà anche nei confronti degli elettori , ecco perché siamo in Campania con il centrodestra e in Piemonte con il centrosinistra: sicuramente fronti opposti fra loro, ma forte coerenza per noi, quindi diciamo che le ragioni sono state differenti, ma la posizione UDC unica”.  
Peserà l’astensionismo su queste elezioni regionali? Quale effetto potrebbe avere?
“Certo che peserà l’astensionismo, perché ci sarà, come risposta alla disaffezione di questo Paese nei confronti di una politica urlata e piena di insulti, come abbiamo visto negli ultimi giorni e non solo negli ultimi giorni. Certi atteggiamenti portano veramente allo sconcerto! A volte mi vergogno di far parte di questo Parlamento. L’effetto dell’astensionismo sarà chiaro, un segnale chiaro dato alla politica!”.

Veniamo alle Marche: per l’UDC persone nuove come Andrea Speciale schierato lo scorso anno nelle comunali di Ancona e Patrizia Niccolaini candidata al Consiglio regionale…

“Abbiamo fatto scelte innovative e per quanto riguarda Patrizia, sul piano politico abbiamo scelto di schierarci con un moderato come Spacca, aderendo a un laboratorio politico estremamente interessante. E’ chiaro che questo laboratorio politico ha bisogno di energie giovani e nuove e sostenere Patrizia Niccolaini, da questo punto di vista, significa schierare queste forze innovative in una sfida che è tutta da vivere”.

Perché votare UDC e Patrizia Niccolaini?

“Votare UDC perché è l’unico partito che ha mostrato coerenza e lealtà nei confronti dei propri elettori. Il Presidente Casini è sempre stato molto chiaro, in ogni posizione che ha preso. D’altronde il presidente del Consiglio in questo momento sta parlando di tutto meno che dei problemi reali del nostro Paese e pensa che con queste chiacchiere e con il risultato delle elezioni possa coprire tutti i suoi errori. La lealtà di Casini e la volontà di costruire qualcosa di diverso è invece un segnale forte per questa politica urlata e arruffona e certamente passa anche attraverso giovani professionisti come Patrizia Niccolaini!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here