Confesercenti: al via progetto pilota nel capoluogo

603

Con le carte contactless giornale, caffè e sigarette si pagano con il bancomat. Bastano pochi secondi per eseguire la transazione perché non serve digitare nessun codice PIN. Per ogni operazione si possono pagare sino a 15 euro. Tra gli obiettivi dell’Associazione: sostenere la diffusione della moneta elettronica spingendo gli istituti di credito a ridurne i costi di gestione e utilizzo. Una strada molto utile anche per la sicurezza, perché può drasticamente ridurre il rischio di furti e di rapine di cui spesso sono vittime proprio i commercianti. Due secondi e via, la colazione è pagata con il bancomat. Senza digitare nessun codice segreto, senza cercare affannosamente nelle tasche inafferrabili monetine. Solo un semplicissimo gesto: la carta bancomat che sfiora il lettore e, grazie a un microchip che utilizza un sistema d’identificazione a radiofrequenza, la transazione è completata.
Un risultato reso possibile dall’utilizzo di carte di ultima generazione in grado di eseguire, oltre alle normali funzioni di bancomat e carta di credito, operazioni contactless, cioè senza dovere effettuare la classica strisciata e comporre un codice personale.
Si tratta di una soluzione il cui impiego, negli ultimi due anni, è letteralmente esploso all’estero, soprattutto in Francia e Gran Bretagna, dove l’utilizzo della moneta elettronica è molto diffuso. Ora le contactless, cioè le carte che non richiedono il contatto, stanno conquistando anche il belpaese, da sempre cauto rispetto ai sistemi di pagamento alternativi al denaro contante. “I punti di forza sono tanti e riguardano sia il consumatore sia il piccolo commerciante. Prima di tutto va evidenziato che grazie all’utilizzo di nuove tecnologie si riesce, almeno potenzialmente, ad estendere l’impiego della monetica a settori fino ad oggi esclusi; inoltre si incentivano soluzioni che riducono le attese, e, aspetto non secondario, si attenuano i rischi di furti e rapine derivanti dalla circolazione di denaro contante. – spiega Fulgenzio Brevini, responsabile sindacale Confesercenti provincia di Modena – per questa ragione abbiamo sviluppato un progetto pilota che ha coinvolto un gruppo di associati particolarmente sensibili alle innovazioni. Ma non è tutto rose e fiori: nonostante il concreto aiuto della Banca Popolare dell’Emilia – Romagna, con cui abbiamo messo a punto il progetto, per il commerciante restano esageratamente alti i costi di installazione e gestione dei sistemi elettronici di pagamento. Un po’ provocatoriamente diciamo che i costi dovrebbero essere vicini allo zero perché solo in questo modo si potrebbe eliminare una barriera d’ingresso che è ancora decisamente troppo alta. Non dobbiamo infine sottovalutare i costi occulti che dobbiamo sopportare allorquando si mantengono soluzioni meno efficienti. Basti pensare che oggi in Italia per la “manutenzione” del contante si spendono ogni anno 10 miliardi di euro, escludendo la Pubblica Amministrazione. Modernizzare il paese significa anche avere il coraggio di incentivare migrazioni da un sistema più costoso e meno sicuro ad uno certamente più snello e leggero, sia in termini di oneri che di funzionamento”
Le nuove carte a sfioramento consentono di attuare una vera e propria rivoluzione nelle abitudini quotidiane, a partire dalla possibilità di effettuare, in tempi brevissimi, dei micro pagamenti, ovvero tutte quelle transazioni con importi contenuti che nel caso del progetto modenese possono arrivare sino a 15 euro. Un tetto sufficiente per pagare il quotidiano preferito, un caffè, una pizza al taglio, le sigarette. “L’interesse per l’innovazione appartiene alla storia di Confesercenti. La nostra attenzione si concentra soprattutto su quelle soluzioni che migliorano il rapporto tra cliente e imprenditore e che incidono positivamente sull’efficienza organizzativa. Le contactless sono un bel banco di prova anche perché possono favorire un cambiamento di atteggiamento rispetto alla moneta elettronica. Il nostro impegno sul fronte dell’innovazione prosegue e, tra non molto, presenteremo un altro interessante progetto, utile per la comunità” hanno aggiunto Barbara Mazzini, direttore operativo di Confesercenti Modena e Sauro Colombini, responsabile informatico dell’Associazione, che hanno seguito il progetto in tutte le sue fasi, dallo studio all’avvio.
L’iniziativa pilota, sviluppata dall’Associazione in collaborazione con BPER, in questa fase coinvolge cinque pubblici esercizi, situati in vari punti della città, prevalentemente in centro storico. Si tratta d’imprese che appartengono a settori eterogenei proprio per capire le diverse problematiche che potrebbero emergere sul campo.
Oltre alla Pasticceria Bar Pamela di Via Emilia Est, che ha tenuto a battesimo la presentazione ufficiale del progetto, fanno parte del nucleo di imprese coinvolte nella fase sperimentale "Pizzeria Alt" in piazza Mazzini, l’Edicola del Portico in Via Emilia Centro, la Panetteria Rossi all'interno del Mercato Coperto di via Albinelli e la Tabaccheria Levoni in via Emilia Centro. Il numero degli esercizi sta progressivamente aumentando di giorno in giorno dopo la prima positiva esperienza avviata da qualche settimana. Tutte le attività sono riconoscibili grazie a una vetrofania personalizzata.
Il potenziale di sviluppo delle carte contactless è molto elevato perché l’utilizzo è davvero semplice, veloce e sicuro. Non a caso a crederci sono i circuiti internazionali delle carte di credito e le banche, come dimostra anche l’impegno della BPER che in poche settimane ha installato in città alcune centinaia di Point Of Sale, POS, e sostituito oltre 10mila bancomat tradizionali con carte abilitate a svolgere anche la funzione contactless. “Certamente c’è l’incognita dei costi di gestione: su questo fronte resta ancora molto da fare e ci impegneremo con determinazione affinché gli oneri si abbassino in modo significativo” ha concluso Fulgenzio Brevini.

CONTACLESS: PAGHI SENZA CONTATTO
Le carte di credito contactless, cioè "senza contatto", sono un'applicazione della tecnologia RFID, che utilizza la radio frequenza per l’identificazione. A differenza delle carte tradizionali, non richiedono l'inserimento fisico della carta nel lettore ma è sufficiente l'avvicinamento.

PIU’ VELOCI E SICURE
La transazione avviene off-line, senza cioè che si debba attivare in tempo reale un collegamento telefonico. In questo modo i tempi necessari per eseguire il pagamento diventano brevissimi, di norma inferiori ai quattro secondi. Altro punto di forza è il positivo riflesso sulla sicurezza. Con il loro utilizzo diminuirà in modo significativo il danaro contante con minori rischi di furti e rapine.

COSA SERVE PER UTILIZZARLE
Presso l’esercizio commerciale serve, un terminale POS, Point Of Sale, con le caratteristiche tecniche per leggere la carta di credito senza contatto. Al cliente occorre invece una carta di ultima generazione, di quelle che incorporano il microchip che permette di utilizzare il sistema RFID, Radio Frequency IDentification. Gli esercizi sono riconoscibili tramite una vetrofania personalizzata.

GLI IMPORTI MASSIMI
Secondo quanto stabilito dal circuito VISA, il valore massimo dei micro pagamenti è stato fissato in 15 euro per ciascuna operazione

LE IMPRESE COINVOLTE NEL PROGETTO PILOTA
Le carte contactless sono ideali per quelle realtà commerciali il cui scontrino ha un valore medio relativamente contenuto, come, ad esempio, edicole, bar, tabaccherie, pizzerie al taglio. Nel caso del progetto pilota sviluppato da Confesercenti Modena, le imprese sono: Bar Pamela di Via Emilia Est, "Pizzeria Alt" in piazza Mazzini, Edicola del Portico in Via Emilia Centro, Panetteria Rossi all'interno del Mercato Coperto di via Albinelli e Tabaccheria Levoni in via Emilia Centro.

L’UTILIZZO DEL DENARO ELETTRONICO IN ITALIA

Quante sono le carte in circolazione
Nelle tasche degli italiani continuano ad aumentare le carte di credito, i bancomat e le cosiddette prepagate. Rispetto al 2007, la crescita delle carte magnetiche abilitate al pagamento, è stata di oltre il 10%, arrivando a toccare nel 2008 quota 74 milioni. In circolazione ci sono in totale 33,5 milioni di carte di credito, 29 milioni di bancomat, 4 milioni di carte prepagate e 3,6 milioni di carte revolving.

La diffidenza resta
Nonostante siano ormai oltre 780 mila i negozi che le accettano senza problemi, gli italiani mostrano ancora una certa diffidenza nei confronti del denaro elettronico. Per ogni carta i pagamenti mediamente realizzati in un anno sono non più di 3 al mese mantenendo di fatto immutato il divario con il resto d'Europa dove le operazioni in denaro contante sono molto meno diffuse. Guardando alle transazioni effettuate nel corso del 2008 per fare acquisti e pagamenti sono state utilizzate quasi 40 milioni di carte, con un ammontare complessivo di 122 miliardi di euro e 1,4 miliardi di transazioni su Pos.

Come le utilizzano gli italiani
I bancomat sono stati usati per lo shopping 34 volte e le carte di credito 42, mentre lo scontrino medio ammonta a 88 euro. In genere, la carta di credito viene preferita per transazioni d'importo medio-alto (oltre i 100 euro), mentre il bancomat per tutti quei pagamenti più contenuti (79 euro). In ‘movimento’ anche le carte prepagate che, pur ricoprendo ancora una parte minoritaria del mercato dei pagamenti su Pos, segnalano una crescita significativa con un importo medio di 73 euro.

In quali occasioni
La maggior parte degli acquisti quelli effettuati con carta magnetica avviene presso esercizi e negozi; sta comunque diventando sempre più frequente lo shopping via telefono e on-line. Le carte utilizzate attraverso questi canali sono oltre 5,5 milioni, pari al 26% delle carte di credito attive e al 28% delle prepagate. In particolare nel 2008, le prepagate usate per l'e-commerce sono quasi raddoppiate, passando a 956 mila contro le 480 mila del 2007.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here