Trasporti: attivo da1 mese servizio FS Lucchini TS-Piombino

540

L\’assessore regionale alla Viabilità e Trasporti Riccardo Riccardi, ha visitato oggi lo stabilimento siderurgico di Servola della Lucchini Spa dal quale, già da un mese, parte un nuovo servizio ferroviario che collega i siti produttivi del Gruppo, a Trieste e Piombino. Fortemente sollecitato dalla direzione della Lucchini, il servizio (in partenza ogni lunedì alle 20.30 per la Toscana, con ritorno ogni giovedì, in arrivo alle 20.00) si caratterizza per una trazione ferroviaria che ha continuità dall'interno degli stabilimenti, permette il carico-scarico diretto delle merci (nello specifico, carbone coke per altoforni in andata, verso Piombino, e minerale di ferro al ritorno, in direzione Trieste) presso i punti di produzione/utilizzo, riuscendo ad evitare non solo la parziale frantumazione del prodotto ma soprattutto le emissioni polverose, a beneficio dell'ambiente e con una sensibile riduzione dei costi di trasporto.

Il volume di traffico, ad impatto ambientale tendente allo zero, interessa circa 150 mila tonnellate/anno di merci, pari ad un minimo di 90 treni/anno, comparabili a circa 5-6 mila autotreni.

Realizzato grazie al know-how sviluppato dalle società Inter-Rail, dall'impresa ferroviaria InRail-FUC/Ferrovie Udine Cividale ed InnoFreight, questo servizio (per ora 1 treno alla settimana, costituito da 16 vagoni per complessive 48 casse trasportate) è stato pianificato e concretizzato in collaborazione alla dirigenza della Lucchini e, relativamente alla fase di trazione ferroviaria su linea RFI, con la partecipazione attiva di Trenitalia Cargo.

Quest'iniziativa conferma ancora una volta la validità e la valenza del sistema ferroviario rispetto alla soluzione del trasporto su gomma e delinea anche ulteriori opportunità per riconquistare ampi segmenti del trasporto merci a favore del traffico ferroviario.

Segmenti ad ora impropriamente occupati dal mezzo stradale con notevole dispendio economico, danno ambientale ed evidente occlusione di arterie, soprattutto autostradali.

Accolto allo stabilimento di Servola dal direttore Luigi Venir e dal responsabile commerciale di Inrail, Lucio Gentile, l'assessore Riccardi, nel sostenere la validità del progetto ha ricordato d'aver subito valutato e apprezzato l'iniziativa a testimonianza della volontà dell'Amministrazione regionale di dare maggior impulso al trasporto ferroviario.

Riccardi ha altresì sottolineato l'enorme beneficio che iniziative come questa apportano alla riduzione del traffico pesante sulla rete autostradale regionale che, nell'auspicata ripresa economica e con i lavori della terza corsia sulla A4, rischia di divenire il vero collo di bottiglia di tutto il Nord-Est.

Un obiettivo al cui raggiungimento la Lucchini e i suoi partner contribuiranno, anche con un concreto raddoppio delle movimentazioni tra Trieste e Piombino, previsto nel prossimo settembre. Con l'avvio di questo servizio ferroviario, tutto il "trasporto Lucchini" da Trieste a Piombino oggi avviene "via ferro" o via mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here