Pershing 92’. Vivibilità e house-style di bordo. Soluzioni estetiche d’avanguardia per un nuovo modo di vivere il mare

593

Milano – Giugno 2010 – Fedele al proprio DNA, Pershing, brand del Gruppo Ferretti, tra i principali produttori mondiali di high perfomance open motor yacht dai 15 ai 35 metri, ha creato un nuovo modello dalle linee filanti e moderne, che spinge al massimo il comfort della vita a bordo, creando una soluzione di continuità totale tra interni ed esterni e una vivibilità degli spazi senza paragoni. Il nuovo Pershing 92’, nato dalla matita del Designer Fulvio De Simoni con il fondamentale supporto dello staff tecnico di Pershing, in stretta collaborazione con Norberto Ferretti, l’AYT (Advanced Yacht Technology) ed il Centro Stile del Gruppo Ferretti, si caratterizza per un profilo esterno ancora più snello ed aggressivo, con linee tese che permettono di ingrandire i volumi interni, dando ampio respiro in particolare al salone e al pozzetto poppiero sul ponte principale.
L’ultimo progetto di Pershing si inserisce perfettamente nel nuovo corso estetico inaugurato con il celebre P72’ e proseguito con successo con gli ultimi modelli, il P64’ ed il P80’, caratterizzati da una personalità spiccatamente open, da grandi volumi e luminosità totale per un contatto diretto con il mare.
Nel Pershing 92’ restano e si evolvono tutti gli stilemi che hanno reso riconoscibili i modelli della flotta: la finestratura della sovrastruttura, le ampie vetrate sulle murate, la grande porta a scomparsa che suddivide il pozzetto dal salone e naturalmente le performance inimitabili proprie di ogni yacht Pershing.
Un’assoluta novità è invece rappresentata dalla scelta del colore dello scafo: white pearl, nota distintiva del nuovo modello Pershing, che da sempre anticipa canoni estetici e stabilisce trend e tendenze della nautica internazionale.
Il sun deck è uno dei punti di forza del nuovo yacht. Ancora più spazioso, è caratterizzato da volumi più ampi per garantire massimo relax e privacy a bordo, in un’area esclusiva che possa accogliere l’armatore e i suoi ospiti. Accanto alla volumetria, migliora anche l’accessibilità al sun deck, grazie ad un’ampia scala che facilita l’accesso al ponte. Il tutto senza modificare la linea filante e snella dello scafo, grazie ad un attento studio degli spazi che rende quasi invisibile il prendisole.
Sempre sul sun deck si trovano, quindi, un divano semicircolare modulare e un tavolo che può abbassarsi al livello della seduta, al fine di realizzare un unico grande prendisole che può essere protetto da una tenda che poggia su pali in carbonio. A prua, davanti alla plancia di comando, trova collocazione una seduta grande con schienale.
Sul prendisole di prua, invece, è presente una seduta grande con coffee table alzabile, di fronte ad un ulteriore grande prendisole fisso.
L’attento studio delle linee esterne, la vivibilità a bordo e la continuità degli spazi si riflettono anche nella realizzazione degli interni e di tutti gli ambienti sottocoperta, con una meticolosa attenzione ai dettagli.
L’ampio pozzetto, arredato con due divani contrapposti, un grande tavolo e un mobile bar, colpisce per l’ariosità degli spazi e rappresenta una delle aree più confortevoli della barca.

In linea con la continua evoluzione della flotta Pershing, quest’area sembra estendersi in continuità nel grande salone superiore che rappresenta l’area in cui la vita a bordo trova la sua massima realizzazione e dove la luce naturale filtra dalle generose aperture delle grandi finestrature laterali. E non è tutto: come nei suoi predecessori, dal pozzetto si accede al salone attraverso la particolare vetrata a scomparsa, progettata in collaborazione con Besenzoni, composta di due sezioni indipendenti dotate di movimentazione elettroidraulica che scorrono verso il basso fino a sparire completamente nel pavimento.

Un‘idea trasformata in soluzione, che permette di modulare ancora meglio la separazione tra pozzetto e salone superiore o la loro trasformazione in un vero e proprio open-space, in totale assenza di scalini o altre interruzioni della superficie.

Anche l’eleganza degli arredi è il frutto di un intenso lavoro di squadra che premia la consolidata partnership con due storiche firme del Made in Italy: Poltrona Frau, che ha progettato e realizzato la pilot house, tutte le sedute e numerosi dettagli dell’arredamento interno, ed ErnestoMeda, che ha realizzato la cucina.
La zona sottocoperta, a cui si accede attraverso una comoda scala che scende alle spalle delle poltrone guida, si compone di 4 cabine: la suite armatoriale a tutto baglio, posizionata al centro della barca che gode di una suggestiva illuminazione naturale, la cabina vip a prua, studiata nei minimi dettagli in termini di arredi e spazi, e due cabine ospiti a due letti affiancati, con bagno en-suite. L’utilizzo della pelle Poltrona Frau nella zona notte arricchisce tutte le sedute ed i letti, contribuendo a ricreare un’atmosfera accogliente e sofisticata.

Diversi sono i layout interni della suite armatoriale che sono stati messi a disposizione del cliente, che rendono questo ambiente semi-custom. L’armatore potrà scegliere su tre differenti layout: uno standard con ingresso della cabina dell’armatore con un grande armadio a murata e un bagno giorno; un secondo layout con ampio ingresso cabina armatore e piccolo studio con cabina armadio; un terzo layout con ingresso più piccolo e studio. Tutti gli arredamenti interni in pelle sono firmati Poltrona Frau.

A poppa, sempre accessibile sia dall’interno che dall’esterno dell’imbarcazione, è stata allestita la zona alloggio per l’equipaggio, composta da due cabine con relativi servizi, collegate alla cucina

Infine, sempre a poppa, al di sopra della sala macchine, che accoglie due motori MTU, è situato uno spazioso hangar con plancetta abbattibile che consente di stivare un tender ed una moto d’acqua. Nella versione standard, il Pershing 92 è motorizzato con 2 MTU diesel da 16 V con potenza di 2638 cavalli cad. con eliche di superficie e trasmissione ARNESON e raggiungerà la velocità massima di 42 nodi e 38 nodi di crociera.
Profilo ancora più slanciato, grandi volumi e studio degli spazi confermano la grande cura posta nel progetto per fare del Pershing 92’ un nuovo punto di riferimento pronto a rivoluzionare il concetto di vita a bordo.
“Sempre fedele alla filosofia del brand, il Pershing 92’ mostra ancora una volta il giusto mix di innovazione tecnica e design d’avanguardia, binomio indissolubile che ha reso il marchio Pershing uno dei più rappresentativi della nautica Made in Italy nel mondo, contribuendo al prestigio del Gruppo Ferretti a livello internazionale” – dichiara Norberto Ferretti, Presidente e Fondatore del Gruppo Ferretti, che segue in prima persona i nuovi prodotti del marchio Pershing e di tutti i brand del Gruppo Ferretti.
“Tutto nel layout del Pershing 92’ enfatizza e agevola il godimento degli spazi, la vivibilità e la privacy della vita a bordo” aggiunge l’architetto Fulvio De Simoni, yacht designer indissolubilmente legato al marchio Pershing fin dal 1985. “Accanto ad un aumento sostanziale delle volumetrie e a nuove soluzioni abitative, è importante sottolineare il family feeling che ha guidato le scelte stilistiche dell’intero progetto””
Oltre allo straordinario utilizzo delle superfici e delle altezze, il progetto si distingue per tre contesti ideali che agevolano l’interazione tra gli ospiti, grazie all’ampio sun deck, alla possibilità di ampliamento del salone verso il pozzetto per ottenere uno spazio unico e all’ulteriore prendisole di prua.
“Dal punto di vista del prodotto, siamo davanti ad un’evoluzione importante che va incontro alle esigenze espresse dai nostri Clienti” – sottolinea Luca Boldrini, Brand Manager di Pershing. “Versatilità, utilizzo intelligente degli spazi, customizzazione e un nuovo concetto di open, rendono infatti l’armatore e i suoi ospiti i veri protagonisti di questa nuova imbarcazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here