Expo Shanghai 2010, al via le iniziative dell’Emilia Romagna

493

Expo Shanghai 2010, al via le iniziative e gli appuntamenti promossi dal sistema emiliano-romagnolo. Lo spazio espositivo dedicato all\’Emilia-Romagna sarà visitabile fino al 15 settembre, le iniziativa centrali dall\’8 al 12 settembre. Bologna – “Land with a soul” è il tema scelto per lo spazio espositivo dell’Emilia-Romagna all’Expo di Shanghai 2010 che resterà aperto fino al 15 settembre. Lo spazio interpreta il tema generale dell’Esposizione “Better City, better life” raccontando una regione che, della qualità del vivere in tutte le sue declinazioni, ha fatto uno dei suoi tratti distintivi. Al taglio del nastro dell’area Emilia-Romagna nel Padiglione Italia – in programma giovedì 9 settembre, alle ore 17 – interverranno il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani e l’assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli: l’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Commissariato Italiano.
Il percorso creato per l’area Emilia-Romagna all’interno del Padiglione Italia, in collaborazione con il Commissariato italiano per l’Expo e Confindustria Ceramica, accompagna il pubblico alla scoperta delle eccellenze dell’intera regione nei diversi ambiti, culturale, turistico, scientifico economico e produttivo. Un particolare focus è stato realizzato sulla filiera abitare/costruire, uno dei settori di punta dell’economia regionale, e più in generale sul crescente impegno dell’Emilia-Romagna nei settori della green economy e delle green technologies, del risparmio energetico e dell’eco-compatibilità.
«La Regione ha scelto una politica che punta sull’attrattività territoriale per rendere, ancora più di oggi, appetibile l’Emilia- Romagna, per promuovere l’internazionalizzazione delle imprese e sostenere la penetrazione nei mercati esteri dei nostri prodotti. L’internazionalizzazione – ha sottolineato l’assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli – è un elemento di innovazione in termini di competenze e conoscenze. L’Expo Shanghai 2010 – dove siamo presenti come “sistema regionale Emilia-Romagna” -è un’opportunità per le imprese del sistema economico emiliano romagnolo per conquistare crescenti quote del mercato cinese, visto che dall’Emilia Romagna l’export in Cina è cresciuto nel 2010 del 36%, rappresentando anche una straordinaria possibilità per facilitare il percorso di superamento della crisi economica».
Oggi l’Emilia-Romagna è la terza regione esportatrice in Italia verso il mercato cinese, che è oggi uno dei nostri principali partner commerciali al di fuori del mercato europeo. Il buon andamento delle esportazioni verso la Cina è da attribuire in gran parte alla voce “macchine ed apparecchi meccanici”. Con oltre 36 miliardi di euro di vendite all’estero nel 2009 l’Emilia-Romagna risulta la seconda regione esportatrice italiana e conferma l’alta qualità delle sue esportazioni (il 50% dei prodotti ha un alto contenuto tecnologico, contro il 42,4% del Nord Est italiano).
Inoltre, asse prioritario della presenza emiliano-romagnola a Shanghai è da alcuni anni la collaborazione con la prestigiosa Università Tongji, partner strategico per la realizzazione di attività in campo scientifico, economico e culturale.
L’Expo Bureau ha selezionato la città di Bologna come un “case history d’eccellenza”. Al capoluogo regionale è affidata un’area espositiva per tutta la durata della manifestazione nella Urban Best Practise Area. La Regione ha supportato questa partecipazione in sinergia con il Comune, la Provincia, con la Camera di Commercio di Bologna, con la Fiera e con Promobologna.
Piazze e portici ricostruiti in Cina. “Land with a soul” prende spunto da alcuni elementi architettonici e artistici che da sempre caratterizzano il tessuto urbano emiliano-romagnolo: il portico e la piazza. In Emilia-Romagna le piazze sono storicamente il fulcro e l’”anima” della vita sociale, culturale, economica: luoghi dell’incontro e del dialogo di un’intera comunità. Per questo un portico, trattato da una grafica che lo rende immateriale e quindi simbolico, accompagna il visitatore alla scoperta delle eccellenze emiliano-romagnole in diversi ambiti. Attraverso richiami testuali, immagini e filmati, il visitatore potrà – in una sorta di viaggio virtuale – così conoscere tutti gli aspetti più significativi dell’Emilia-Romagna: dalle bellezze ambientali, paesaggistiche e architettoniche, al ricco panorama culturale, senza dimenticare un tessuto imprenditoriale articolato su filiere produttive altamente specializzate quali la motoristica, l’enogastronomia, la moda, l’abitare e il costruire.

Gli appuntamenti principali. Oltre 30 eventi promozionali – workshop, seminari, incontri, bilaterali, fiere, mostre ed il coinvolgimento di oltre 200 aziende del territorio emiliano romagnolo di cui 120 (90 sono Pmi in Associazione temporanea di impresa) in Cina grazie al sostegno della Regione attraverso bandi e altri strumenti. Sono questi i “numeri” della presenza del sistema Emilia-Romagna all’Expo di Shanghai. I dettagli del programma delle iniziative e gli appuntamenti all’Expo 2010 di Shanghai si possono trovare sul sito internet http://emiliaromagna.si-impresa.it nella pagina dedicata al Servizio Internazionalizzazione delle Imprese.
Mercoledì 8 settembre al Shanghai Exhibition Center preview della mostra “SH Contemporary 2010” in cui sono esposte tre opere di Giorgio Morandi provenienti dal Mambo, il Museo d'Arte Moderna di Bologna.
Alle “Green Technologies dell’Emilia-Romagna” è dedicato il seminario in programma giovedì 9 settembre alle ore 10 (presso Tongji University) realizzato in collaborazione con Confindustria Emilia-Romagna e la stessa Tongji University. Si parlerà tra l’altro degli investimenti dell’Emilia-Romagna in campo energetico, dell’impegno nel fotovoltaico, delle applicazioni a basso impatto nella filiera meccanica, della Rete dei Tecnopoli, un’esperienza unica nel panorama nazionale per coniugare ricerca, innovazione, ambiente. Nel pomeriggio, alle ore 14, attenzione puntata sul comparto della ceramica con “Ceramic Tiles of Italy: the green way” (presso la Tongji University), in cui la Regione Emilia-Romagna , insieme a Confindustria Ceramica, racconterà la capacità di innovarsi e di qualificarsi in questo settore strategico: i nuovi prototipi di piastrelle fotovoltaiche, antismog, antibatteriche, ad esempio, prodotti innovativi, capaci di rispondere ai nuovi bisogni di sostenibilità, di risparmio energetico, oltre che a nuove concezioni dell’abitare.
Poco dopo alle ore 18,30 (Padiglione Italia) in collaborazione con l’Agenzia di Promozione Turistica dell’Emilia-Romagna (Apt), “Emilia-Romagna, Land with a Soul” racconterà un altro dei settori di eccellenza dell’Emilia-Romagna: il turismo.
Sempre nella giornata del 9 settembre, altri due appuntamenti: la “preview” della mostra “Ducati Technology and design” (ore 9.30, Tongji University) a cura del Design Center di Bologna e, alle ore 18,30 (Area C6, Expo Site) in collaborazione con Tongji University la cerimonia di accensione del cogeneratore d’energia dell’azienda Turbec di Cento (Ferrara).
Venerdì 10 settembre, ore 10, presso la Fudan University seminario ‘Mansi3-@mplissima’ – realizzato in collaborazione con la Fondazione Giovanni XXIII: interverranno Romano Prodi, Vasco Errani e Alberto Melloni.
Sabato 11 settembre incontro istituzionale della Regione Emilia-Romagna con la Provincia dello Zhejiang. Nella stessa giornata visita a Suzhou dello stabilimento della Bucci Industry “Bi-Tech”, controllata cinese che fa capo al gruppo Bucci di Faenza.
Domenica 12 settembre il presidente Vasco Errani parteciperà allo ‘Special day’ dedicato alla città di Bologna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here