A Sapore una nuova bottiglia per le birre artigianali e un osservatorio dedicato ai macrobirrificii

638

All’interno di “Sapore” la presentazione di Unionbirrai del Progetto Bottiglia Artigianale Italiana e il lancio della ricerca condotta da ALTIS Università Cattolica di Milano sul mondo della birra artigianale. Ad ogni birra… la sua bottiglia. Se la birra poi è artigianale, la bottiglia può diventare il marchio distintivo di un processo e di una lavorazione molto particolare. Il progetto Bottiglia Birra Artigianale Italiana è stata presentato questa mattina a SAPORE (Rimini Fiera, 19-22 febbraio) da Unionbirrai, con l’obiettivo di veicolare, attraverso il packaging, l’immagine di un prodotto di qualità con caratteristiche distintive. “Da sempre i microbirrifici sono particolarmente attenti al packaging in quanto strumento fondamentale per la commercializzazione dei loro prodotti.” – Ha detto Simone Monetti Presidente di Unionbirrai. “L’idea di creare una bottiglia unica, con inciso sul vetro la dicitura Birra Artigianale Italiana e il logo di Unionbirrai, ha lo scopo far identificare immediatamente il prodotto al consumatore che è sicuro in questo modo di acquistare una birra artigianale, di origine italiana, fatta da un nostro socio.”

E sempre a SAPORE è stato lanciato il progetto della Ricerca, condotta da Unionbirrai insieme al Altis Università Cattolica di Milano, dedicata al mondo della birra artigianale. Questa ricerca rappresenta una assoluta novità nel settore dei microbirrifici italiani, in quanto è la prima volta che vengono analizzate sistematicamente, in due step diversi, tutte attività dei birrai artigianali. La ricerca sarà suddivisa in 2 fasi: la prima, ti tipo qualitativo, raccoglierà interviste con imprenditori del settore; la seconda consisterà in un questionario, al quale saranno chiamati a rispondere tutti i microborrifici e i Brew pub al fine di rilevarne i percorsi di sviluppo strategico.

“L’obiettivo è quello di arrivare ad una mappatura dei microbirrifici su tutto il territorio italiano.” – Ha detto il Dott. Benedetto Cannatelli di Altis Università di Cattolica di Milano. “Una volta delineati i vari modelli effettueremo la seconda parte dell’indagine per capirne meglio filosofia e motivazioni. A lungo termine tutte queste preziose informazioni potrebbero costituire le basi per un Osservatorio permanente sulla birra artigianale che dia la possibilità di monitorare l’andamento dell’intero settore.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here