Franz a Cividale con delegazione del Consiglio per candidatura Unesco

669

Cividale – Gli auguri per l\’accoglimento della candidatura di Cividale a far parte del Patrimonio mondiale dell\’umanità vergati sul libro dei visitatori del Tempietto Longobardo: il presidente del Consiglio regionale Maurizio Franz ha iniziato da questo gioiello d\’arte connesso al restaurato Monastero di Santa Maria in Valle la visita ai siti e ai tesori longobardi custoditi nella città, insieme con la vicepresidente del Consiglio Annamaria Menosso e i consiglieri Roberto Novelli e Stefano Pustetto, in un itinerario comprendente anche il Museo cristiano, il Museo archeologico e Palazzo de Nordis, sede del Museo d\’arte antica e moderna, recentemente aperto alla fruizione con una mostra dedicata ai Maestri del Paesaggio nel \’900, che chiuderà i battenti proprio domani, visitata da oltre 10 mila persone. Il percorso si e\’ concluso con un incontro in municipio. La delegazione regionale, accolta dal sindaco Stefano Balloch, e da altri rappresentanti dell'amministrazione comunale, e' stata guidata nel percorso dai soprintendenti ai beni storico-artistici, Luca Caburlotto, e a quelli archeologici, Luigi Fozzati, approfondendo con esperti delle diverse sezioni gli aspetti salienti di ogni tappa.
Una giornata di arricchimento culturale e di grande suggestione, è stato il giudizio concorde di presidente e consiglieri, che si sono complimentati anche per l'impostazione metodologica innovativa e la determinazione con cui la città sta perseguendo il raggiungimento di questo traguardo.

Il sindaco ne ha ripercorso l'iter sottolineando il rapporto stretto e sinergico realizzato dall'amministrazione comunale con le altre istituzioni, in un'esperienza unica per un progetto che vede Cividale capofila della rete dei siti longobardi in Italia (gli altri sono Brescia, Castelseprio Torba, Spoleto, Campello sul Clitunno, Benevento e Monte Sant'Angelo), ma che vuole allargare la relazione anche ad altre realtà, pubbliche e private. La Regione Friuli Venezia Giulia e' stata la prima a garantire un sostegno efficace a questo obiettivo – ha sottolineato Balloch, ricordando poi il supporto chiesto anche al presidente della Repubblica, che riceverà in udienza una delegazione. Sono state superate positivamente le visite ispettive, ma ora la partita non si gioca più solo sui piani tecnici ma anche sui quelli diplomatici, ha insistito il sindaco ricordando i criteri sempre più restrittivi adottati dall'Unesco e auspicando un sostegno su questo fronte anche dalla Farnesina. Un risultato positivo sarebbe uno straordinario volano per lo sviluppo socioeconomico, e questa sinergia deve continuare nel futuro, ha concluso.

Il valore del progetto e' stato sottolineato anche dai Soprintendenti, anche perché – e' stato detto – specie nei momenti di crisi bisogna investire in cultura.

Per Pustetto Cividale ha il merito di aver saputo valorizzare il suo patrimonio storico, e per Novelli la candidatura e' un esempio alto di comportamento politico e di integrazione delle nostre istituzioni, e Annamaria Menosso ha auspicato che questo metodo venga applicato anche in altri campi.

Dobbiamo saper capitalizzare la nostra cultura, la nostra storia e le nostre radici, e metterle a disposizione della comunità e del territorio, ha affermato infine Franz, rinnovando gli auspici, anche per il futuro di Palazzo de Nordis affinché diventi sempre più uno spazio espositivo per eventi capaci di creare eco culturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here