Chiodi, ISTAT conferma nostra crescita, al top export

533

\’L\’Istat ancora una volta riconosce la validita\’ della nostra politica economica e ci colloca tra la Regioni traino per l\’export nei Paesi comunitari\’\’. Cosi\’ il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, in riferimento ai dati Istat relativi al primo semestre 2011, che vedono una crescita nelle esportazioni pari al 23,4 per cento. Meglio di noi le sole Regioni virtuose del nord Italia. \’\’E\’ la conferma che il tessuto produttivo abruzzese sta reagendo con forza e determinazione alla crisi internazionale – aggiunge il Governatore – E di questo va dato atto, in primis, agli imprenditori, alla loro intraprendenza ed al loro dinamismo. In questo supportati da politiche di crescita serie, responsabili e lungimiranti\’\’.
Il trend dice che l'Abruzzo, nell'ultimo anno, ha incrementato il suo export soprattutto nei settori dell'automotive, dell'agricoltura (vino in primis) e dell'agroalimentare. ''Settori forti, settori cardine – osserva il presidente Chiodi – verso i quali e' rivolta tutta la nostra attenzione, senza per questo sottovalutare le potenzialita' di altre produzioni. Nei prossimi giorni incontrero', con i delegati del Patto per l'Abruzzo, i rappresentanti del Governo nazionale, pronto a sbloccare i circa 600 milioni di euro di fondi Fas. Risorse importanti che saranno utilizzate, in particolare, per il rilancio dei principali settori produttivi; 34 milioni di euro sono previsti proprio per sostenere il Campus automotive, cosi' come concordato con le parti sociali''. ''Ieri – riferisce poi – l'assessore allo Sviluppo economico, Alfredo Castiglione, ha incontrato l'amministratore delegato Fiat, Sergio Marchionne, che ha confermato le rassicurazioni, gia' fatte a me in precedenza, sull'opportunita' di meglio definire, consolidare e rafforzare l'ottimo rapporto gia' in essere tra la casa automobilistica torinese ed il polo di Atessa, una delle eccellenze industriali abruzzesi, anche in virtu' dell'indotto che alimenta''. ''Un buon risultato, dunque – rimarca il Presidente – riconosciutoci anche dagli economisti, che ci inorgoglisce e che, anche se in un momento molto difficile e complicato, ci invita all'ottimismo ed alla fiducia nel futuro.

Il nostro obiettivo ora – conclude – e' riuscire a fronteggiare ulteriormente una crisi che non ha precedenti nella storia, con scelte ambiziose che puntino al risanamento, al contenimento della spesa e all'acquisizione di quante piu' risorse possibili, Fas, Fesr, per rendere sempre piu' competitive le nostre aziende, in Italia, in Europa, nei Paesi emergenti''.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here