Cooperative Nardò Technical Center. Prospettato il passaggio di 80 lavoratori alla Copat

554

Si avviano ad essere progressivamente riassorbiti dalla società cooperativa Copat, realtà nazionale che conta 750 lavoratori in tutta Italia, gli 80 lavoratori delle tre cooperative (All Service, Sasinae e Italian Job) che lavoravano grazie agli appalti della Nardò Technical Center, società leccese che si occupa di testare i prototipi delle maggiori case automobilistiche europee.
È questa la soluzione prospettata nel corso dell'incontro della Task Force Occupazione della Regione Puglia che ha riunito a Bari nella sede dell'Assessorato allo Sviluppo economico i rappresentanti della Nardò Technical Center, della Copat, dei soci-lavoratori delle tre cooperative e di Confindustria Lecce.
In pratica la Nardò Technical Center appalterebbe le attività di accumulo chilometrico alla Copat, la quale a sua volta si impegnerebbe ad osservare tre clausole e cioè rispettare le leggi sul lavoro e sulla previdenza sociale; applicare integralmente un contratto collettivo nazionale stipulato da organizzazioni datoriali e sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale oltre ad intrattenere trasparenti e corrette relazioni sindacali. La terza clausola impegnerebbe la Copat, in occasione di nuove assunzioni nel territorio della Provincia di Lecce, a riconoscere un diritto di precedenza in favore dei soci-lavoratori, dei dipendenti e degli ex-dipendenti delle tre cooperative All Service, Sasinae e Italian Job, con ulteriore priorità per coloro che non beneficino di ammortizzatori sociali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here