Marche: Luchetti, 2 bandi nel segno welfare attivo

373

\’Sono due delle azioni concertate con le Organizzazioni sindacali in base al Protocollo del dicembre 2011 e che rispondono perfettamente alla logica di integrazione e quindi di welfare attivo delle politiche di sostegno al reddito, dell\’istruzione, della tutela del lavoro e della famiglia\’\’.
Cosi' l'assessore all'Istruzione Lavoro della Regione Marche, Marco Luchetti, ha commentato l'iter di due provvedimenti inerenti il lavoro nella scuola e il diritto allo studio assunti dalla Giunta una settimana fa ed ora arrivati bando. Significa, pertanto che le due delibere, adottate su sua iniziativa, sono pronte per l'accoglimento delle istanze e quindi dei relativi contributi ai destinatari. ''Il primo intervento – ha spiegato – riguarda il precariato nella scuola in base ad un progetto avviato dalla Regione per utilizzare il personale scolastico (docente ed ATA) che a causa dei tagli agli organici del precedente governo ha perso il lavoro. Il secondo bando – ha aggiunto – riguarda le famiglie ed e' sempre un'iniziativa varata dalla Regione come misura anticrisi. Uno strumento di solidarieta' concreta per vedersi garantita almeno una quota di sostegno per gli studi universitari''. Il bando per il precariato gia' dall'8 marzo (e fino al 23) prevede la possibilita' per i dirigenti scolastici di inviare alla Regione le domande utilizzando unicamente la procedura informatica di invio telematico disponibile all'indirizzo http://www.istruzioneformazionelavoro.marche.it . Messi a disposizione 661mila euro per progetti finalizzati a prevenire e contrastare la dispersione scolastica, supportare l'apprendimento degli alunni disabili, l'integrazione linguistica per alunni con cittadinanza non italiana, l'assistenza e la sorveglianza. L'intervento prevede un'indennita' di partecipazione per ogni precario di 3mila euro. Nel secondo provvedimento prevista un copertura finanziaria di 384 mila euro per la concessione di un contributo una tantum, 500 euro a favore di ogni beneficiario, studente residente nelle Marche, iscritto all'universita' a.a. 2011/2012, lavoratore o figlio di lavoratori che si trovano da almeno 3 mesi in disoccupazione, mobilita', cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga. Le richieste devono essere indirizzate alla Regione Marche P.F. Istruzione, Formazione Integrata, Diritto allo Studio, entro il 20 aprile. Anche in questo caso va utilizzata la procedura informatica secondo il modulo reperibile dal 12 marzo all'indirizzo http://www.istruzioneformazionelavoro.marche.it alla sezione bandi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here