In Fvg il costo dell’acqua è cresciuto del 37% in 5 anni

522

In Friuli Venezia Giulia, negli ultimi cinque anni, il costo dell’acqua è salito del 37% a fronte di un incremento su scala nazionale del +24,5%. Lo segnala Cittadinanzattiva.
Tariffe fuori controllo a Pordenone (+51,1%) e incrementi a due cifre ovunque: Gorizia (35,3%), Udine (+32,6%), Trieste (+32,2%). Aumenti importanti anche nell’ultimo anno: nel 2011 rispetto al 2010, le tariffe sono cresciute su base nazionale in media del 5,8%, in Friuli del 4,1%.

In Friuli Venezia Giulia è Trieste la città in cui l’acqua per uso domestico costa di più, con una spesa media annua di 312, ben 137 in più di quanto la si paga a Udine, città in cui il servizio costa meno a livello regionale, addirittura 202 in più di quanto la si paga a Isernia, città in cui il servizio costa meno a livello nazionale.

Nell’annuale indagine realizzata dall’Osservatorio Prezzi & Tariffe di Cittadinanzattiva, le contraddizioni del Servizio Idrico Integrato nel nostro Paese, con dati anche sulla dispersione idrica. In un anno una famiglia della regione sostiene in media una spesa di 230 euro per il servizio idrico integrato.

L’indagine è stata realizzata in tutti i capoluoghi di provincia, relativamente all’anno 2011. L’attenzione si è focalizzata sul servizio idrico integrato per uso domestico: acquedotto, canone di fognatura, canone di depurazione, quota fissa (o ex nolo contatori). I dati sono riferiti a una famiglia tipo di tre persone, con un consumo annuo di 192 metri cubi di acqua, e sono comprensivi di Iva al 10%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here