Esportazioni: Puglia +11,3% nei primi sei mesi del 2012. Taranto prima provincia in Italia

551

Crescono ancora le esportazioni della Puglia. Nei primi sei mesi del 2012, sono aumentate dell\’11,3%, con un picco del 37% nella provincia di Taranto, che appare in cima alla classifica delle province italiane. La performance pugliese è la seconda in Italia dopo quella della Sicilia (+21,2%), mentre la terza regione risulta essere la Toscana con +10,7%. All\’ultimo posto la Basilicata con un forte decremento (-30,1%), seguono il Molise (-17,3%) e la Valle D\’Aosta (-12,8%). L'Istat ha pubblicato il report sulle esportazioni nelle regioni italiane. La vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone ha voluto commentarli negli spazi del padiglione istituzionale della Regione Puglia alla Fiera del Levante nel corso di una conferenza stampa.

"In termini assoluti – ha detto la vicepresidente – la Puglia ha esportato nei primi sei mesi di quest'anno beni per 4,394 miliardi, contro i 3,949 miliardi dello stesso periodo del 2011. L'aumento di merci esportate vale dunque 445milioni di euro".
Il dato pugliese è particolarmente rilevante se paragonato alla performance italiana che si ferma ad un incremento del 4,2%, mentre le esportazioni nell'area Nord-Centro crescono solo del 3,9%. Nel Mezzogiorno (ad otto regioni) l'incremento è del 7% e nell'Italia meridionale dello 0,9%.
Quanto ai settori, rilevante appare l'aumento dell'export dei "Prodotti dell'estrazione di minerali da cave e miniere" (+436,5), seguono le "Macchine ed apparecchi" (+64,8%); "Computer, apparecchi elettronici ed ottici" (+55,2%), "Mezzi di trasporto" (+26,4%). Da sottolineare – ha spiegato Loredana Capone – l'aumento delle vendite sui mercati dell'Unione Europea (+7,8%) e dei Paesi extra-UE (+15,9%).
Un dato, quest'ultimo, sul quale la vicepresidente ha voluto soffermarsi: "L'incremento delle esportazioni nei paesi extra Ue, inesistente fino ad un paio di anni fa, è la foto esatta delle nostre politiche. È stata la Regione Puglia a spingere le imprese verso nuovi mercati grazie alle alla partecipazione alle principali manifestazioni fieristiche, alle missioni, agli accordi di partenariato con Paesi come la Cina e il Canada. Noi abbiamo guidato le imprese e le imprese ci hanno seguito".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here