A Pasqua con il metano si risparmia

418

245 euro: questo è il risparmio che può ottenere una famiglia di Cosenza trasferita a Milano che decida di recarsi nella propria città d’origine per le festività pasquali, utilizzando un’auto a metano anziché una a benzina. Il viaggio da Milano a Cosenza (e ritorno) ha una lunghezza di circa 2.140 chilometri; il costo per il carburante, con un’auto a metano, è di 141 euro, mentre con un’auto a benzina è di 386 euro. Il risparmio a favore del metano è evidente, ed ammonta a 245 euro. Questi dati provengono da un’elaborazione dell’Osservatorio Federmetano, che ha preso in considerazione anche altri esempi di tragitti da cui emerge la convenienza del metano. Il secondo viaggio preso in considerazione è quello da Bologna a Lecce (e ritorno). I chilometri percorsi in questo caso sono circa 1.800. Secondo i dati dell’Osservatorio Federmetano la spesa per il carburante utilizzando il metano è di 118 euro, mentre con la benzina è di 324 euro. Il risparmio con il metano ammonta quindi a 206 euro.
Non solo chi si reca nella sua terra d’origine per Pasqua può usufruire del risparmio garantito dall’uso di metano; anche chi vuole cogliere l’occasione per visitare luoghi d’arte può farlo risparmiando, se usa un’auto a metano. Infatti se si prende in considerazione il tragitto da Torino a Firenze (e ritorno), tragitto che ammonta a circa 900 chilometri, la spesa per il carburante con un’auto a metano, secondo i calcoli dell’Osservatorio Federmetano, è di 59 euro con il metano e di 162 con la benzina. Il risparmio con il metano è quindi di 103 euro. Chi, invece, da Udine voglia recarsi a visitare Roma (tragitto di 1.500 chilometri circa, incluso il ritorno) spenderebbe per il carburante 99 euro con il metano e 270 con la benzina, con un risparmio di 171 euro a favore del metano.
“Le cifre della tabella – dice Dante Natali, presidente di Federmetano – fanno emergere con grande chiarezza la convenienza economica dell’uso di veicoli a metano. In tempi di incertezza, come quelli che stiamo vivendo, questi dati assumono un’importanza ancora maggiore, poiché dimostrano come oggi, grazie al metano, sia possibile risparmiare nei costi di gestione di un autoveicolo senza particolari rinunce ed anzi abbinando al risparmio economico anche la riduzione delle emissioni di sostanze nocive. Oggi, poi, chi utilizza un’auto a metano per i suoi spostamenti può contare su una rete di rifornimento in autostrada composta da 34 distributori (disposti sul territorio nazionale dal Piemonte fino alla Campania ed alla Sicilia), rete che è in costante crescita”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here