Tutela dell’agroalimentare made in Italy: Adriano Cardogna presenta una mozione

831

“Ci assicureremo che la Commissione europea faccia rispettare gli obblighi di indicare paese di origine e luogo di provenienza delle carni suine, etichettatura per i prodotti alimentari al fine di prevenire le pratiche fraudolente, impedire l’uso improprio di risorse pubbliche che possano alimentare il finto made in Italy, valutare possibili azioni legali a tutela dell’immagine Italia e del suo sistema produttivo”. Questi gli obiettivi della mozione presentata da Adriano Cardogna, Consigliere dei Verdi, per tutelare l’agroalimentare made in Italy, made in Marche, dunque per tutelare lavoro e sviluppo. A sottolineare la rilevanza del tema per la nostra economia regionale e nazionale, l’immediata sottoscrizione della stessa dai gruppi di maggioranza e di opposizione. Su richiesta di Cardogna, si procederà partendo con un impegno del Consiglio Regionale Marche. Non basta: la mozione sarà inviata al Presidente del Consiglio Enrico Letta, ai Ministri competenti, ai Presidenti delle associazioni professionali agricole e alle associazioni cooperative agricole. Nello specifico saranno sollecitati il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali e quello della Salute. “In un mondo globalizzato – spiega il consigliere dei Verdi – produzioni eccellenti fanno sicuramente la differenza”. E nelle Marche la peculiarità è avere una florida/ricca biodiversità varietale. Grazie all’alta qualità dei prodotti locali che si consumano, non a caso, è la più longeva regione d’Europa. In molti desiderano conoscere le Marche dopo aver mangiato un prodotto autoctono, sia esso un vino, un olio o un frutto. Tutti salutari portatori di sapori, profumi e bellezza delle Marche. L’agroalimentare fonte di vita ma anche forte leva per l’economia, il primo comparto nella classifica dell’export marchigiano. Una tradizione e una tipicità da sempre e ancora in forte sviluppo tale da trainare tutti gli altri settori. Il turismo agroalimentare ne è un esempio. Prodotti enogastronomici d’eccellenza ambasciatori della nostra regione nel mondo. L’Expo 2015 sarà proprio dedicata all’arte culinaria con i temi “Nutrire il Pianeta. Energia per la vita” dove nutrizione, qualità e tracciabilità sono fattori determinanti nella vita di ognuno di noi. “Da anni – aggiunge Gianluca Carrabs, amministratore unico ASSAM – la Regione Marche attraverso la nostra agenzia punta alla sicurezza e qualità delle produzioni agroalimentari. Le filiere sono monitorate attraverso il Si.Tra. – Sistema informatico di Tracciabilità garantendo rintracciabilità ai fini del controllo. Il consumatore potrà così ricostruire la storia del prodotto, fino alla sua origine, individuando gli operatori coinvolti nel processo produttivo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here