Siamo pronti per la ricerca biomedica transfrontaliera?

493

Il 27 febbraio l\’Università di Trieste ospiterà un convegno strategico dell\’area i talo-slovena: 44 partner chiamati a condividere risultati e obiettivi futuri. Il Progetto strategico Trans2Care, promotore dell\’evento, mira a consolidare un network internazionale giovane e competitivo, orientato a migliorare le nostre condizioni di vita e di salute. A Trieste, a fine febbraio, si discuterà sui destini di un’ampia fetta della ricerca biomedica nel nostro territorio e in quello dei nostri vicini sloveni. Giovedì 27, nell'Ateneo giuliano, è in calendario “Siamo pronti per Horizon 2020?”, un convegno internazionale a tema, che riunirà per la prima volta gli attori coinvolti nei principali progetti di ricerca attualmente in corso nell'area transfrontaliera.
A ideare e organizzare l'incontro è stato lo staff di Trans2Care, progetto innovativo dell'Università di Trieste, insieme al progetto Proteo di Sincrotrone Elettra, entrambi finanziati dalla Ue. L'Università di Trieste ha invitato in città 44 potenziali partner allo scopo di approfondire la conoscenza reciproca e consolidare una rete che possa operare sinergicamente anche in futuro.
In moltissimi hanno accolto l'invito a partecipare: a oggi sono 125 le presenze confermate.
La grande adesione all'incontro del 27 ha confermato la forte volontà di creare un sistema che possa operare sul territorio congiuntamente. L'interesse suscitato dal convegno tra gli addetti ai lavori è andato ben oltre le aspettative degli organizzatori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here