Uil: le Marche ancora in piena crisi

514

E’ di 23.335 il saldo tra i rapporti di lavoro cessati e quelli attivati nelle Marche tra il 2011 e il 2014. E’ quanto emerge dall’elaborazione effettuata dalla Uil sulla base dei dati riferiti alle Comunicazioni Obbligatorie del Ministero del Lavoro. “I rapporti di lavoro che si sono chiusi – afferma Graziano Fioretti, Segretario Generale Uil Marche – o per scadenza del termine, o per licenziamento, anche collettivo, o per altre cause, sono in numero maggiore rispetto a quelli aperti, a testimonianza del persistere della crisi nella nostra Regione. I pesanti tagli operati dal Governo centrale per il 2015 nei confronti dei trasferimenti alle Autonomie Locali, pari a 230 milioni di euro per la sola Regione Marche a cui sommare una cifra importante a carico dei Comuni, comporteranno una riduzione delle risorse da spendere sul territorio, con conseguenze ulteriormente negative sull’occupazione.” Nel dettaglio: i rapporti di lavoro attivati sono passati da quasi 250 mila nel 2011 a poco più di 210 mila nel 2014, mentre i lavoratori interessati da tali attivazioni sono scesi da oltre 167 mila a poco meno di 137 mila. Per quanto riguarda i rapporti di lavoro cessati, invece, si è passati dagli oltre 244 mila del 2011, che hanno interessato quasi 167 mila lavoratori, ai poco più di 218 mila, che hanno interessato poco più di 146 mila lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here