Porto di Ancona: Il Ministro Delrio ad Ancona s’interviene su viabilità e potenziamento delle infrastrutture

421

Doppio appuntamento per il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio oggi ad Ancona.
Il primo in Comune con il sindaco Valeria Mancinelli dove è stato firmato il protocollo d’intesa su “Interventi per la riqualificazione urbana, la messa in sicurezza dell'azione meteo marina e velocizzazione della linea ferroviaria Adriatica e per il collegamento viario della SS16 al Porto di Ancona” che dovrebbe risolvere il problema del collegamento fra il porto di Ancona e la Ss16, e la velocizzazione della linea Fs Adriatica. "Oggi è una grande giornata, perché mette in fila la soluzione di tanti problemi – ha dichiarato Delrio – e ci sembra giusto avviare il percorso di una soluzione progettuale sostenibile che arretra la ferrovia, dà alla città un parco, e tende a risolvere i problemi del porto, un porto ben gestito e in crescita".
''Per il raddoppio della SS 16 – ha ricordato, affiancato dal vice ministro Riccardo Nencini – le risorse sono pari a 230 milioni di euro, già disponibili. Per la velocizzazione della linea Fs sono già disponibili 15 milioni di euro. Altri 14 milioni sono destinati ai lavori di dragaggio del porto''. Nel 2017, ha aggiunto, “E’prevista l'appaltabilità del raddoppio della Statale 16, mentre i cantieri di Rfi possono partire entro un anno da oggi. 'Dobbiamo impiegare quest’anno per ragionare insieme all'Anas sull'ultimo miglio, il tratto di strada che collegherà la SS 16 alla Flaminia, in modo che si possa procedere alla progettazione e quantificare i costi''.

Il secondo appuntamento del Ministro è stato poi proprio all’interno dell’area portuale, dove sono stati inaugurati i lavori di potenziamento della banchina 22.
Il Ministro era accompagnato dal Prefetto di Ancona Antonio D’Acunto, dal Presidente dell’AdSP dell’Adriatico Centrale, Rodolfo Giampieri e dal Direttore Marittimo delle Marche, C.A. Francesco Saverio Ferrara, ha poi visitato altre aree del porto in fase di sviluppo o concluse.
“Ancona è un porto vitale ed è la prima azienda per addetti in filiera di tutta la regione – ha dichiarato Rodolfo Giampieri presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Centrale – con oltre 5.700 lavoratori che ogni giorno operano e arricchiscono l’attività di questo scalo. Un sistema in efficienza e punto di riferimento nel sistema infrastrutturale del Paese. L’opera che inauguriamo oggi non può che essere di buon auspicio e, allo stesso importantissima, per le attività che nell’immediato futuro andremo a sviluppare qui ad Ancona. Nel dialogo con il Ministro abbiamo condiviso fortemente la necessità del nostro percorso sul tema della sostenibilità e del dialogo porto-città, come ulteriore strumento di sviluppo e crescita”.
“Ancona è da sempre la Porta D’Oriente per eccellenza – ha dichiarato il Ministro Delrio – ed è, dati alla mano, uno scalo in crescita che segue il trend positivo di tutta la portualità nazionale che ha visto, nel 2016, raggiungere dati di traffico quasi inaspettati: 11 milioni di passeggeri e 10.5 milioni di Teus. Qui ad Ancona è stato condotto un lavoro importante. Ancona per noi è un punto insostituibile e deve continuare così e, con la nuova riforma, potrà crescere ancora meglio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here