KUM! e Regione Marche contro la ludopatia

296

Al via un progetto dedicato al mondo sociosanitario sulla patologia del gioco d’azzardo. Quattro incontri formativi con crediti per le figure sanitarie

 Dalla collaborazione tra la Regione Marche e KUM! Festival, ideato e diretto da Massimo Recalcati con il Comune di Ancona, è nato il progetto L’uomo senza inconscio e il gioco d’azzardo patologico, un percorso dedicato al mondo della sanità sulla questione della ludopatia nelle Marche. La Regione Marche, da alcuni anni, sta investendo risorse per prevenire e curare la patologia del gioco d’azzardo e con il “Festival della Cura” è stato realizzato un piano di formazione su questo tema.

Quattro incontri che il direttore scientifico Massimo Recalcati ha deciso di affidare a Nicolò Terminio, psicoterapeuta e dottore di ricerca, con i maggiori esperti: il sociologo Maurizio Fiasco, lo psicoterapeuta e criminologo Mauro Croce, la psicologa psicoterapeuta Daniela Capitanucci, lo psicologo e psicoterapeuta Leopoldo Grosso.

Verranno prese in esame le coordinate socio – economiche che caratterizzano il fenomeno, i nuovi volti del giocatore patologico, le sfide attuali e le strategie dei servizi di cura. Le riflessioni più aggiornate e i contributi di ricerca più recenti verranno condivisi e discussi con i partecipanti agli eventi formativi, partendo dalla convinzione che la strada migliore per contrastare il consumo dissipativo dell’azzardo patologico è quello di costruire una cultura clinica e sociale che scommette sulla generatività dei legami.

Tre tappe di avvicinamento alla seconda edizione del Festival che si terrà alla Mole Vanvitelliana dal 19 al 21 ottobre 2018 e che avrà il quarto incontro all’interno della programmazione della manifestazione. Questo progetto è accreditato ECM per tutte le figure sanitarie ed è limitato a massimo 100 iscritti che devono partecipare a tutte e tre le sessioni per ricevere 12 crediti formativi.

Il primo appuntamento sarà venerdì 8 giugno, alle 14, alla Mole di Ancona: Il gambling e la sua costruzione in Italia. Paradigma e algoritmi del «gioco d’azzardo industriale di massa», responsabilità istituzionali, sociali, professionali con Maurizio Fiasco.

Il 22 giugno ci sarà Dostoevskij e la slot-machine con Mauro Croce, mentre il 24 settembre sarà la volta di Daniela Capitanucci con Disturbo da gioco d’azzardo: una nuova sfida per i servizi. Ultimo incontro il 20 ottobre con Leopoldo Grosso: Il gioco e l’azzardo. Il fenomeno, la clinica, le possibilità di intervento.

Prenotazioni e informazioni su www.kumfestival.it.