Ancona, nubifragio, si torna alla normalità

402

Si sta lavorando da ore in stretta sinergia tra tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio per ripristinare la viabilità alla Baraccola e in altre zone periferiche del capoluogo colpite dal violento nubifragio che si è abbattuto sulla città nelle prime ore del mattino. Un evento meteorologico di eccezionale portata- è stato rilevato- con precipitazioni fino a 62 millimetri cadute in appena 1 ora e mezza, come non accadeva dal 1959.

La situazione che ha visto impegnati sul campo -per assistere gli automobilisti e per dirottare il traffico sulle vie praticabili- il personale della Polizia Municipale con 25 unità, i Vigili del Fuoco, la Protezione civile, e il gruppo comunale di Protezione civile, è stata monitorata costantemente dal Centro Operativo Comunale- COC – presieduto dall’assessore alla Protezione civile e alla Viabilità, Stefano Foresi con il Comandante della Polizia Municipale Liliana Rovaldi e il dirigente dei Lavori Pubblici, Ermanno Frontaloni.

Gli allagamenti -che hanno interessato più strade – hanno causato forte disagio alla viabilità e preoccupazione tra gli automobilisti, alcuni dei quali rimasti bloccati nei veicoli fino all’arrivo dei soccorsi. Data la portata dell’evento, è stato necessario chiudere alcune strade, che sono state riaperte nel pomeriggio grazie al lavoro indefesso di tutte le forze coinvolte, in particolare via Albertini, via Primo Maggio, via Caduti del Lavoro, la Strada Cameranense, la strada tra Montacuto e Varano, e il sottopassaggio di via Filonzi. Risolti anche alcuni problemi presso il PalaPrometeo Estra.
Dal primo pomeriggio sono al lavoro tecnici di AnconAmbiente impegnati nella pulizia delle strade e delle caditoie mentre la circolazione sta tornando alla normalità.
Ovviamente l’Amministrazione comunale effettuerà ogni più scrupoloso accertamento su quanto avvenuto stamattina in località Baraccola, particolarmente toccata dal forte evento meteorologico.