Bureau Veritas Italia, Cina a “scuola” di certificazione ambientale

248

Il tema della certificazione come chiave di lettura per l’ottimizzazione dei processi aziendali in ambito qualità e sicurezza e per affrontare il problema dei rischi ambientali attraverso l’ottica di un approccio di sistema: questo l’oggetto dell’incontro avuto con i manager e i tecnici di Bureau Veritas Italia da parte di una delegazione di funzionari cinesi attualmente in visita presso il Politecnico di Milano e Fondazione Politecnico per un percorso formativo avente ad oggetto “La protezione ambientale e lo sviluppo sostenibile nella gestione delle autorizzazioni ambientali”.

La delegazione cinese composta da una ventina di persone, prevalentemente funzionari pubblici che rilasciano autorizzazioni ambientali, ed esperti di climate change e di valutazione di impatto ambientale, accompagnati dalla docente Eleonora Perotto, Direzione Generale – Servizio Sostenibilità del Politecnico di Milano, hanno assistito, presso la sede milanese di Bureau Veritas, ad una presentazione del modus operandi di un ente di certificazione accreditato.

È spettato a Roberta Prati, Direttore della Certificazione, il compito di focalizzare l’attenzione sul tema del rischio, e sul fondamentale ruolo della competenza dell’auditor e della riconoscibilità dell’Ente prescelto, come elementi essenziali nel percorso di certificazione, mentre Emanuela Donato, Responsabile Admin Review and Certificates Issuance, ha illustrato i diversi servizi proposti dal Dipartimento Certificazione, concentrandosi sull’importanza dei Sistemi di Gestione accreditati come strumenti per la conformità normativa, a garanzia della quale operano gli enti di certificazione accreditati.

Cesare Auberti, International Development & Innovation Manager di CEPAS, ha infine illustrato la nuova frontiera della certificazione delle competenze, commentando il centinaio di nuovi profili certificati, spaziando dalla tradizionale area degli auditor dei sistemi di gestione (qualità, ambiente, sicurezza, responsabilità sociale), all’area security/safety, alla parte sanitaria, fino all’ambito industriale e dei servizi.