Cambiamenti Climatici, strategie di contrasto e adattamento nelle Marche e in Istria

674

SVIM, capofila di progetto, organizza martedì 18 giugno ad Ancona la conferenza finale del progetto LIFE SEC Adapt, in cui si parlerà dell’impegno europeo, nazionale e regionale nella lotta ai cambiamenti climatici

È il tema dei temi, l’unico argomento che coinvolge in egual maniera l’intero pianeta, i cambiamenti climatici. Come contrastarli? Quali sono le strategie in atto in ambito regionale, nazionale ed europeo? Se ne parlerà ad Ancona martedì 18 giugno 2019 a partire dalle ore 9.00 nella sala conferenze del See Port Hotel in un workshop organizzato da SVIM dal titolo “Cambiamenti Climatici, strategie di contrasto e adattamento nelle Marche e in Istria”. L’evento è proposto nell’ambito della conferenza finale del progetto LIFE SEC ADAPT, “Perfezionamento del modello di Comunità energetica sostenibile attraverso l’adesione all’iniziativa “Mayor Adapt” e l’elaborazione di strategie per l’adattamento ai cambiamenti climatici” (LIFE14 CCA/IT/000316), promosso e coordinato da SVIM – Società Sviluppo Marche.

Parteciperanno ai lavori: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde), Manuela Bora (Assessora Regione Marche per le Politiche Comunitarie e Ambasciatrice del Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia della Commissione Europea), Gianluca Carrabs (Amministratore Unico SVIM – Sviluppo Marche), Siniša Žulić (Sindaco Comune di Pinguente – Croazia), Federico Benvenuti (Ufficio del Punto di Contatto Nazionale LIFE del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – AT Sogesid), Sergio Castellari (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia INGV, distaccato all’European Environment Agency EEA), Francesca Giordano (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ISPRA), Francesco Musco e Federica Appiotti (Università IUAV di Venezia), Susanna Ferrari Bergomi (Comune di Reggio Emilia) e Carlo Pilotti (Gruppo Unipol).

Programma della Conferenza

Gianluca Carrabs Amministratore Unico SVIM

“Quello dei cambiamenti climatici è un tema che deve essere messo in agenda di tutti i Governi del pianeta – ha dichiarato Gianluca Carrabs Amministratore Unico di SVIM – dato che, milioni di persone, a tutte le latitudini, stanno già subendo i danni provocati da questo fenomeno. Ci sono dei danni quasi irreversibili al nostro ecosistema. Abbiamo poco tempo e dobbiamo intervenire subito. Tutti i comuni marchigiani si dovranno impegnare con un piano di adattamento e mitigazione ai Cambiamenti Climatici. Bisogna disegnare il nuovo modello di transizione ecologica che porterà la Regione ad una piena decarbonizzazione verso 0 emissioni. L’iniziativa di martedì 18 si inserisce nell’ambito del progetto LIFE SEC ADAPT dove 12 Comuni marchigiani e 6 Comuni istriani, con il supporto delle Agenzie di Sviluppo Regionali, hanno avviato il processo di transizione verso un sistema territoriale resiliente nei confronti dei cambiamenti climatici e orientato ai processi di decarbonizzazione, elaborando piani in ottemperanza agli impegni assunti con l’adesione al Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia. La sinergia tra le società di sviluppo delle Regioni Marche ed Istria ha, inoltre, portato alla definizione di linee guida per la definizione di una strategia di adattamento transfrontaliera con strumenti, metodologie e banche dati per accelerare l’evoluzione del processo in tutta l’area della Macroregione Adriatico – Ionica”.

Il partenariato del progetto è composto da Sviluppo Marche S.r.l. (con la consulenza tecnico scientifica di ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ), Regione istriana Agenzia di Sviluppo Regionale istriana (IDA), Comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Fabriano, Fermo, Jesi, Macerata, Offida, Pesaro, Santa Maria Nuova, San Paolo di Jesi, Senigallia, Urbino, Comuni di Buzet, Labin, Pazin, Pola, Porec, Rovinj (Croazia) Comune di Bullas (Spagna) ADEP S.A. (Municipal Enterprise for Planning & Development of Patras S.A.) – Grecia.

L’evento è libero ed a ingresso gratuito, è previsto un servizio di interpretariato simultaneo ed è inserito nel piano formativo obbligatorio e dà diritto a crediti professionali per Geologi, Agronomi, Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

Salviamo il Pianeta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here