AnconAmbiente, dopo il lockdown torna a crescere la percentuale di raccolta differenziata

98

La tendenza si registra su tutti i comuni gestiti dall’azienda

Aumentano dopo il lockdown le percentuali di raccolta differenziata in tutti i comuni serviti da AnconAmbiente. Confrontando i dati di aprile con quelli di giugno 2020 si evidenzia come con il ritorno alla normalità tutti gli indicatori facciano segnare un segno positivo sulle varie aree. Ad Ancona si passa dal 56,36% di aprile al 60,51 % di giugno, negli stessi mesi Fabriano passa dal 66,58% al 71,86%, Sassoferrato dal 67,11% all’ 80,79% e Serra De’ Conti dal 76,78% all’83,23%.

Antonio Gitto

“La produzione dei rifiuti e il conseguente corretto conferimento dei cittadini sta rientrando verso parametri pre Covid – ha sottolineato Antonio Gitto Presidente di AnconAmbiente S.p.A. – un dato interessante e che ci fa ben sperare per il futuro”.

“Sono dati che ci spingono a riflettere – ha sottolineato Roberto Rubegni Amministratore Delegato di AnconAmbiente S.p.A. – e sui quali stiamo facendo alcune analisi operative. Molto interessante il dato di Ancona che torna sopra il 60% anche se non raggiunge i numeri di gennaio 2020. Monitoreremo questa tendenza con l’obiettivo di raggiungere la soglia del 65% prevista dalla legge, dato che, peraltro, anche in piena emergenza Coronavirus è stato raggiunto dagli altri comuni serviti dalla nostra azienda”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here