Salvatore Ferragamo, un piano strategico per abbattere i gas serra

261

A conferma dell’impegno in tema di sostenibilità e in linea con il livello di decarbonizzazione necessario per prevenire i più dannosi effetti del cambiamento climatico, il Gruppo Salvatore Ferragamo ha definito i science-based targets per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra (GHG). Due importanti obiettivi da raggiungere entro il 2029

 

Il Gruppo Salvatore Ferragamo annuncia di aver definito i propri target per la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra e di aver ottenuto l’approvazione da parte della Science Based Targets initiative, che li ha giudicati coerenti con le azioni necessarie per raggiungere il più ambizioso degli obiettivi dell’Accordo di Parigi: contenere il riscaldamento climatico a 1.5°C.

In linea con gli ultimi dettami della scienza climatica, il Gruppo Salvatore Ferragamo ha definito due importanti obiettivi:

 

– Ridurre del 42% le emissioni GHG assolute dello Scope 1 e Scope 2 entro il 2029 rispetto al 2019;

– Ridurre del 42% le emissioni GHG assolute dello Scope 3 derivanti dall’acquisto di beni e servizi e dal trasporto e distribuzione a valle entro il 2029 rispetto al 2019.

 

“Operare responsabilmente significa essere consapevoli dell’impatto della propria attività e di conseguenza lavorare per trovare soluzioni serie e innovative per mitigarli – ha commentato Ferruccio Ferragamo, Presidente della Salvatore Ferragamo. – L’adozione di obiettivi quantitativi per la riduzione della nostra impronta climatica rappresenta un impegno sfidante, che ci rende concreti e orgogliosi di aver intrapreso questa strada.”

 

Promossa da Carbon Disclosure Project (CDP), UN Global Compact (UNGC), World Resource Institute (WRI) e dal World Wide Fund for Nature (WWF), la Science Based Targets initiative stabilisce e promuove le best-practice nella definizione dei science-based target, oltre a valutare gli obiettivi delle aziende.

I science-based targets adottati dalla Società rafforzano il percorso che Salvatore Ferragamo ha intrapreso negli anni per la sostenibilità e che recentemente ha visto la realizzazione di importanti iniziative fra le quali il progetto Sustainable Thinking, l’adesione al Fashion Pact e la certificazione Silver SI Rating.

 

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. è la capogruppo del Gruppo Salvatore Ferragamo, uno dei principali player del settore del lusso le cui origini possono farsi risalire al 1927. Il Gruppo è attivo nella creazione, produzione e vendita di calzature, pelletteria, abbigliamento, prodotti in seta e altri accessori, nonché profumi per uomo e donna. La gamma dei prodotti si completa, inoltre, con occhiali e orologi, realizzati su licenza da terzi. Attenzione all’unicità e all’esclusività, realizzate coniugando stile, creatività e innovazione con la qualità e l’artigianalità tipiche del Made in Italy, sono le caratteristiche che contraddistinguono da sempre i prodotti del Gruppo. Con circa 4.000 dipendenti e una rete di 643 punti vendita mono-marca al 30 giugno 2020, il Gruppo Ferragamo è presente in Italia e nel mondo attraverso società che consentono di presidiare il mercato europeo, americano e asiatico.

 

******

Building on its commitment towards a sustainable future and in line with the level of decarbonization needed to prevent the most damaging effects of climate change, Salvatore Ferragamo Group has set science-based targets to reduce greenhouses gas (GHG) emissions. Two significant goals to achieve by 2029.

 

Salvatore Ferragamo Group announces that it has set its emissions reduction targets and it has had them approved by the Science Based Targets initiative, who deemed them as consistent with levels required to meet the most ambitious goal of the Paris Agreement: to limit warming to 1.5°C.

In line with the latest climate science, Salvatore Ferragamo Group has set two, significant goals:

 

–        Reduce absolute scope 1 and scope 2 GHG emissions 42% by 2029 from a 2019 base year;

–        Reduce absolute scope 3 GHG emissions from purchased goods and services and downstream transportation and distribution 42% by 2029 from a 2019 base year.

“For Salvatore Ferragamo operating responsibly translates into being aware of its impact, while looking for creative, innovative, and serious solutions to mitigate it. – said Ferruccio Ferragamo, Chairman of Salvatore Ferragamo. – Setting quantitative targets to reduce our climate impact is a challenging commitment; however, it makes us factual and proud to have started this journey.”

Formed by CDP, the United Nations Global Compact, World Resources Institute (WRI) and the World Wide Fund for Nature (WWF), the Science Based Targets initiative defines and promotes best practice in science-based target setting and independently assesses companies’ targets.

The science-based targets set by the Company reinforce Salvatore Ferragamo’s journey towards sustainability that has been structured over the years and has recently developed into remarkable initiatives such as the Sustainable Thinking project, the joining of the Fashion Pact, and the SI Rating Silver Certification.

 

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. Salvatore Ferragamo S.p.A. is the parent Company of the Salvatore Ferragamo Group, one of the world’s leaders in the luxury industry and whose origins date back to 1927. The Group is active in the creation, production and sale of shoes, leather goods, apparel, silk products and other accessories, along with women’s and men’s fragrances. The Group’s product offer also includes eyewear and watches, manufactured by licensees. The uniqueness and exclusivity of our creations, along with the perfect blend of style, creativity and innovation enriched by the quality and superior craftsmanship of the ‘Made in Italy’ tradition, have always been the hallmarks of the Group’s products. With approximately 4,000 employees and a network of 643 mono-brand stores as of 30 June 2020, the Ferragamo Group operates in Italy and worldwide through companies that allow it to be a leader in the European, American and Asian markets.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here