L’arte si fa piccina

110

Un progetto educativo ideato per avvicinare i bambini dai 3 ai 6 anni all’arte

La proposta, nata a marzo 2019 e proseguita con sempre maggiore successo anche durante il lockdown, nasce dal desiderio di offrire al pubblico dei più piccoli la possibilità di crescere al museo sviluppando l’attitudine all’arte, alla bellezza e alla creatività.
Le attività si svolgono il sabato mattina per andare incontro all’esigenza di coloro che necessitano di un servizio nel giorno in cui i figli non frequentano la scuola dell’infanzia.
Ormai da tempo l’educazione all’arte è studiata e sperimentata dal mondo dei musei e della scuola. Le esperienze svolte fino ad oggi hanno dimostrato che l’arte e le storie, incontrate fin da bambini, sviluppano la fantasia, la sensibilità e la crescita cognitiva. Attraverso un approccio esperienziale e giocoso si predispone il bambino a concepire l’arte e il racconto come mezzo di comprensione del mondo circostante e del proprio animo.
Niente può sostituirsi all’esperienza diretta con l’arte al museo!
Quest’anno gli incontri sono arricchiti da una selezione di albi illustrati, dedicati ogni sabato al tema trattato, selezionati e messi a disposizione dalla Biblioteca dei Ragazzi di Ancona.
Inoltre, in occasione delle celebrazioni per i 500 anni della Pala Gozzi del grande maestro Tiziano Vecellio si dedicheranno un ciclo di laboratori dedicati alla scoperta di questa importante opera attraverso tutti i sensi.
Il primo appuntamento è in concomitanza con il KUM! Festival e si intitola: “L’albero maestro”: gli alberi sono dei silenziosi punti di riferimento nel cammino di tutti di noi, ci aiutano a capire i cambiamenti e possono farci vedere il mondo da un altro punto di vista. L’artista Tiziano ha dipinto per noi un albero piccolo piccolo ma molto saggio! Vieni a conoscere la sua storia e prenditi cura del tuo albero maestro.
Il progetto si sviluppa tutti i sabati fino al 26 dicembre dalle 10:15 alle 11:30.

Per questioni di sicurezza la capienza è limitata a un massimo 6 bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here