La Pasta di Camerino è leader nelle Marche

195

 risultati del trimestre gennaio-marzo 2021 diffusi da Iri che cura le analisi di mercato che si riferiscono ai consumi, certificano la leadership dell’azienda della famiglia Maccari in questo mercato e che rappresenta un traguardo storico.

«Non possiamo dire di essere sorpresi – dice il Ceo Federico Maccari – perché in questi anni abbiamo puntato sulla realizzazione di un prodotto di altissima qualità, essendo stati i primi in assoluto a utilizzare e certificare solo ingredienti 100% italiani e ancora gli unici a rendere sempre disponibile la tracciatura della filiera». In un mercato nel quale il consumatore è sempre più attento a cosa acquista, «ritenevamo di aver puntato sulle leve giuste e i numeri confermano che i marchigiani hanno dimostrato interesse verso tutti i nostri formati».

Un pacco su tre di pasta secca all’uovo venduta nel primo trimestre 2021 nelle Marche è una referenza de La Pasta di Camerino, per arrivare addirittura ad un pacco su due se consideriamo solo la pasta lunga (tagliatelle, fettuccine ecc.) registrando un importante e costante trend di crescita pur in un mercato sempre più competitivo e ridimensionato.

«Le Marche sono la regione con il più alto consumo pro-capite di pasta all’uovo, un prodotto considerato vero orgoglio della nostra cultura gastronomica – insiste Maccari – e possiamo fieramente confermare che La Pasta di Camerino si è dimostrata la preferita dai consumatori marchigiani che ritrovano in questo prodotto di prima qualità, rustico e genuino, i sapori che vivono nella nostra memoria«.

I motivi del raggiungimento del traguardo che non è stato frutto di speciali spinte commerciali, promozionali o di marketing, è da ascriversi a «una ricetta unica per tradizione – conclude il Ceo di Entroterra Spa – con un metodo di lavorazione figlio dell’antica tradizione dei nostri mastri pastai ma anche dell’aria dei Sibillini con la quale la pasta viene essiccata a basse temperature, oltre che, come detto, della selezione dei migliori grani e uova italiane«.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here