L’eccessiva portata dell’UE minaccia di affondare gli sforzi di decarbonizzazione del trasporto marittimo, avverte l’ICS

188

L’International Chamber of Shipping (ICS) ha rilasciato una dichiarazione a seguito proposto l’estensione da parte della Commissione europea delle emissioni del sistema comunitario di scambio (ETS) per coprire il settore delle spedizioni internazionali.

Guy Platten, segretario generale di ICS , ha commentato: “Oltre che come esercizio ideologico di aumento delle entrate, che sconvolgerà notevolmente i partner commerciali dell’UE, è difficile vedere cosa otterrà l’estensione dell’ETS dell’UE alla navigazione verso la riduzione di CO2, in particolare poiché la proposta copre solo circa il 7,5% delle emissioni globali del trasporto marittimo. Questo potrebbe seriamente rimandare i negoziati sul clima per il restante 92,5% delle emissioni dei trasporti marittimi”.

“Sappiamo che Stati extra UE come il Giappone hanno già espresso preoccupazione per questo sbilanciamento diplomatico e l’imposizione di una tassa unilaterale ed extraterritoriale sul commercio. Non può essere equo per le compagnie di navigazione extra-UE essere costrette a pagare miliardi di euro per sostenere i piani di ripresa economica dell’UE, in particolare nell’ambito di uno schema che mina i negoziati sulla CO2.

“È chiaro dal modo in cui tali schemi funzionano in altri settori che ci saranno conseguenze indesiderate dall’imposizione di tale proposta. Esistono opzioni più semplici ed efficaci, come un prelievo globale sul carburante, ma richiedono una leadership politica piuttosto che opportunismo politico. Un’altra questione chiave per ICS è che chi paga il costo del carburante dovrebbe essere la stessa persona che alla fine paga il costo delle quote di carbonio.

“E’ deludente il mancato inserimento nelle proposte degli investimenti in ricerca e sviluppo, in un momento in cui l’Aie e la nuova amministrazione Usa stanno evidenziando che la riduzione delle emissioni sarà possibile solo con lo sviluppo di tecnologie che attualmente non esistono. Indicare una cosa all’inizio del processo e poi ritirarla per pagare una ripresa post covid invia un messaggio chiaro all’industria che l’UE non è veramente seria riguardo alla decarbonizzazione del trasporto marittimo globale. Questo invia anche un messaggio al di là della spedizione che il rischio politico e di investimento è alto in Europa. Questo dimostra solo perché abbiamo bisogno del Fondo per la ricerca marittima dell’IMO da 5 miliardi di dollari.

“La volatilità del prezzo delle quote rende questo approccio molto più complicato per trasferire il costo alla compagnia che paga il carburante, specialmente per la maggior parte delle compagnie di navigazione più piccole che costituiscono la maggior parte delle spedizioni. Questa proposta è eccessivamente burocratica. La schiacciante preferenza del settore è per una tassa globale che incentivi le riduzioni reali delle emissioni piuttosto che la burocrazia.

“È chiaro che sarà necessaria una valutazione d’impatto indipendente di queste proposte il prima possibile, per garantire che non siamo sonnambuli verso costi ingestibili per il commercio globale.

“ICS, insieme ai partner del settore, esaminerà in dettaglio le ultime bozze di proposte e continuerà a evidenziare queste preoccupazioni nelle discussioni con il Consiglio dell’UE e il Parlamento europeo. Abbiamo bisogno di un’azione urgente, ma l’azione deve portare alla decarbonizzazione piuttosto che a una pura estorsione di denaro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here