Inps: non solo roba da ‘vecchi’, Tridico “tante prestazioni per giovani”

306

Cassa integrazione, reddito di cittadinanza e previdenza sociale spiegate in maniera semplice per i giovani. La sede Inps di Palazzo Wedekind, in piazza Colonna a Roma, ha aperto oggi le sue porte agli studenti e alle studentesse degli istituti tecnici ‘Leopoldo Pirelli’ di Rocca di Papa ed ‘Enzo Ferrari’ di Roma. Un seminario didattico dal nome ‘Vivi il presente, guarda al futuro’, organizzato in occasione della Global Money Week per promuovere una migliore comprensione della cultura assicurativa e previdenziale e per fornire alle nuove generazioni strumenti in grado di proteggere e costruire il loro presente e pensare al futuro in modo più consapevole.
A condurre la lezione sul sistema pensionistico, un docente di eccezione: il presidente Inps e docente di economia del lavoro presso l’università Roma Tre Pasquale Tridico, che ha trasportato i giovani nel mondo Inps attraverso domande, spunti e riflessioni sull’economia del Paese. Una lezione di educazione civica a misura di studente. “La previdenza pubblica obbliga ad essere previdenti oggi per non essere poveri in futuro. Questo è uno dei pilastri del bene pubblico”, ha detto Tridico ai giovani.
“Oggi abbiamo dimostrato ai ragazzi che Inps non è solo roba da ‘vecchi’ come direbbero loro stessi. Inps interessa molto i giovani. Ci sono tante prestazioni che sono a beneficio di ragazzi e ragazze, dalle vacanze scolastiche ai corsi in inglese.
Da ultimo l’assegno unico, la cui domanda può esser fatta anche direttamente dai giovani tra 18 e 20 anni- ha spiegato Tridico alla Dire- abbiamo anche invitato i giovani a conoscere la loro previdenza, i loro diritti, affinché capiscano l’importanza del lavoro regolare. Questo è già il primo passo per guardare al futuro. Dobbiamo fare di più per incontrare le scolaresche, andare nelle classi o far venire le scuole da noi per far conoscere il mondo Inps”.
Ad introdurre la giornata, inaugurata con una visita guidata nelle sale di Palazzo Wedekind, Alessandro Casile, responsabile ufficio comunicazione esterna Inps. “I giovani sono anche figli, quindi riporteranno il racconto di questa giornata ai loro genitori. Ma sono soprattutto il nostro futuro- ha detto Casile all’agenzia Dire- questa è una giornata importante soprattutto dal punto di vista dell’educazione civica e della partecipazione alla vita pubblica del nostro Paese”.
Dopo la lezione i ragazzi hanno assistito alla proiezione del video documentario ‘La storia dell’Inps’, realizzato grazie alle memorie custodite nell’archivio storico dell’Inps. Obiettivo: illustrare agli studenti le origini e l’evoluzione della previdenza e della sicurezza sociale in Italia. La giornata si è chiusa con il gioco didattico ‘L’Inps non è roba da vecchi’, attraverso il quale gli studenti sono entrati nel mondo degli strumenti assistenziali e si sono sfidati sui temi della pensione contributiva, lavori gravosi, contratti di apprendistato e molto altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here