AlmaLaurea 2022 e UniTS: occupazione in crescita del 9% e sopra la media nazionale

192

Un tasso di occupazione superiore alla media italiana e che registra un forte incremento, grande attrattività internazionale e da fuori regione e soddisfazione complessiva degli studenti all’88%.

È l’immagine dell’Università di Trieste fotografata dal rapporto AlmaLaurea 2022 che ha analizzato i profili di 3.119 laureati nel 2021, mettendone in particolare risalto le performance occupazionali.

Ad aver trovato lavoro a un anno dal titolo sono stati l’82% dei laureati triennali e oltre l’83% dei laureati magistrali: risultati eccellenti per l’Ateneo giuliano che supera la media nazionale (rispettivamente di 74.5% e 74.6%) e segna una crescita del 9% rispetto all’anno scorso. La percentuale di occupati sale ad oltre il 92% a 5 anni dal titolo magistrale, confermando un dato superiore a quello generale (88% in Italia).

Anche le retribuzioni mensili nette dei laureati magistrali di UniTS sono al di sopra delle medie e in costante crescita: lo stipendio di 1.738 Euro (erano 1.616 lo scorso anno e 1.543 due anni fa) è superiore alla media nazionale (1.635 Euro) e a quella regionale (1.671 Euro).

Tra gli occupati, lavorano come dipendenti a tempo indeterminato quasi il 37% dei laureati triennali a un anno dal titolo (+8% rispetto alla media regionale) e il 61% dei laureati magistrali, a cinque anni dal conseguimento del titolo. Tra quest’ultimi è significativa anche la presenza di lavoratori autonomi (17%).

Nel settore privato operano il 74% dei laureati, nel pubblico quasi il 23%; l’ambito dei servizi impiega il 77.5% dei giovani occupati formati in UniTS, mentre l’industria accoglie il 22%.

Opportunità occupazionali che arrivano al termine di percorsi universitari pienamente formativi che l’88% dei laureati affronterebbe scegliendo nuovamente UniTS.

Un livello di soddisfazione molto alto che impatta anche sull’attrattività che l’ateneo esercita sia all’estero che fuori regione: i cittadini stranieri laureati, in aumento, sono il 5.2% (contro il 4.2% della media italiana e il 4,8% regionale), mentre i laureati provenienti da fuori regione crescono ancora e raggiungono il 41% (+2% rispetto allo scorso anno), contro il 23% nazionale e il 34% regionale.

“I dati AlmaLaurea 2022 restituiscono l’immagine di un Ateneo che garantisce una formazione solida e in linea con le richieste del mercato del lavoro”, commenta il rettore Roberto Di Lenarda. “La crescita dell’attrattività internazionale ed extra regionale e gli ottimi trend occupazionali dei laureati testimoniano il valore della nostra offerta didattica. Vediamo anche ripagati gli sforzi per superare le difficoltà connesse alla pandemia e consentire agli studenti anche esperienze formative importanti come i tirocini e lo studio all’estero”.

Nonostante le misure di contenimento della pandemia abbiano complicato l’attivazione degli stage presso enti ed aziende, infatti, quasi il 70% dei laureati magistrali dell’Università di Trieste (contro il 60% in Italia e il 66% in regione) hanno svolto periodi di tirocinio, acquisendo un’esperienza preziosa per l’inserimento nel mondo del lavoro.

La pandemia ha frenato anche la mobilità internazionale degli studenti ma UniTS ha continuato a credere nell’importanza formativa dell’esperienza di studio all’estero: rispetto all’8.5% della media nazionale e al 9.5% di quella regionale, oltre il 10% dei laureati a Trieste ha avuto l’opportunità di frequentare un’università straniera nell’ambito dei progetti Erasmus.

Sul livello di soddisfazione dei laureati UniTs incide sicuramente l’efficacia del percorso formativo: il 70% degli occupati considera utili o molto utili per il lavoro svolto le competenze acquisite all’università, una percentuale superiore di ben dieci punti rispetto alla media italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here