Gruppo Centro Paghe, cresce il fatturato a 39,3 milioni di euro

1263

L’azienda con headquarter a Torri di Quartesolo, nel Vicentino, fornisce software per la gestione del personale e dell’impresa a più di 10 mila tra professionisti ed aziende in tutta Italia. Nel 2022 attesa una nuova crescita del 5%. Il presidente, Beniamino Ambrosini: “Abbiamo registrato un +150% nel triennio 2018-21, ora puntiamo ad estendere il perimetro aziendale con nuove acquisizioni”

Una crescita di fatturato del 150% in soli 3 anni. Questo lo straordinario risultato del Gruppo Centro Paghe, agglomerato di aziende con headquarter nel Vicentino, che forniscono software e servizi di outsourcing e consulenza per la gestione del personale a PMI, grandi imprese e professionisti.

Nel 2018 il fatturato aggregato del Gruppo era pari a 15,7 milioni di euro (con un Ebitda di 1,6 milioni, al 10%). Dopo soli 3 anni di crescita e sviluppo, nel 2021 il fatturato è salito a 39,3 milioni di euro, con una crescita di 23,6 milioni, in sostanza + 150%. Nello stesso periodo l’Ebitda è salito a 3,1 milioni, con una crescita di 1,5 milioni (+90%). La crescita del fatturato annuo avvenuta dal 2018 al 2021 è quantificabile in 23,6 milioni. Deriva per 6,9 milioni da crescita organica (sulla base 2018) e 16,7 milioni per effetto delle acquisizioni. La crescita di Ebitda di 1,5 milioni nel periodo origina per 1,1 milioni da acquisizioni e il rimanente da crescita organica. Nel 2021 circa un milione di euro di Ebitda è stato reinvestito in sviluppo progetti e nuovi prodotti i cui benefici saranno evidenti a partire dal 2023.

 

Ma la crescita non è terminata. Infatti, stando alle stime aziendali il 2022 si andrà a chiudere con un ulteriore segno positivo, una crescita tra il 5 e il 7%. I ricavi nel 2020 erano stati di 28,5 milioni, con una crescita nei dodici mesi di 10,8 milioni (+37,8%) di cui 7,9 milioni in acquisizioni e 2,9 milioni organica (pari al 10,2%), valori che hanno portato il fatturato del 2021 a 39,3 milioni di euro.

“Dal punto di vista strategico, quest’anno il gruppo si sta muovendo in continuità col passato, puntando sull’eccellenza tecnologica, il rafforzamento delle proprie posizioni e l’espansione in nicchie di mercato adiacenti al proprio business”, spiega Beniamino Ambrosini, presidente del Gruppo. “Puntiamo a proseguire la crescita in alcuni settori strategici. Ad esempio nello sviluppo sia in termini di clienti che di soluzioni innovative del mercato delle agenzie per il lavoro. La crescita nel settore del welfare, con sempre maggiori volumi di intermediato. Le soluzioni per la digitalizzazione dei processi e la dematerializzazione dei documenti. Il prossimo triennio vede inoltre tra gli obiettivi del gruppo una riorganizzazione della struttura societaria, un’ulteriore crescita nell’area gestione risorse umane, la crescita per linee esterne attraverso acquisizioni mirate”.

Una crescita significativa avvenuta sia grazie alla crescita organica interna che ad una serie di acquisizioni in settori omogenei o adiacenti a quelli esistenti. I numeri parlano chiaro. Sono diecimila le aziende partner a vari livelli, 2.500 studi professionali, oltre 1.000 tipologie di contratti gestiti. Mezzo milione i cedolini mensili elaboratori con la suite Centro Paghe. Sono invece 432 i dipendenti del gruppo impiegati in 32 diverse sedi dislocate su tutto il territorio nazionale. Il quartier generale si trova a Torri di Quartesolo a due passi da Vicenza.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here