I mille volti della fisarmonica saranno protagonisti al PIF 2023

580

Dal 13 al 17 settembre nel centro marchigiano una ricca programmazione sulle note del mantice. Grandi nomi per la 48ª edizione del festival & concorso: da Cammariere a Preziosi, da Bona a Marcotulli, da Fresu e Di Bonaventura ai Maestri di fisarmonica Draugsvoll e Richard. Chiacchiaretta presidente della giuria

Dalla classica al jazz alla canzone d’autore, passando per la musica colta, folk, elettronica, popolare, fino al dj set. Ma anche incursioni eccellenti nell’arte teatrale e cinematografica. Le mille sfaccettature del mantice saranno protagoniste al PIF 2023, lo storico Premio Internazionale della Fisarmonica, prestigioso festival & concorso, che animerà Castelfidardo dal 13 al 17 settembre.

In programma un fitto cartellone di eventi, con alcuni tra i più acclamati fisarmonicisti che accompagneranno concerti e spettacoli dei big in arrivo, regalando momenti di straordinaria sperimentazione e di pura magia.

Così, Antonino De Luca affiancherà Sergio Cammariere, Vince Abbracciante la Signora del jazz italiano Rita Marcotulli, Luciano Biondini il mito del basso Richard Bona. Gianni Iorio, talento del bandoneon, sarà invece accanto ad Alessandro Preziosi nel concerto recitato dedicato al registra Franco Zeffirelli in occasione del centenario della sua nascita. Progetto, quest’ultimo, di Filippo Arlia (al piano), anche direttore della Filarmonica della Calabria, orchestra residente della manifestazione.

Attesi, inoltre, lo strepitoso duo composto da Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura, oltre ad astri nascenti e grandi Maestri del mantice, come il francese Jerome Richard e la leggenda della fisarmonica classica Geir Draugsvoll.

Attorno agli spettacoli la competizione, che lo scorso anno ha incoronato il 21enne cinese Hang Ding. Chi gli succederà? A Cesare Chiacchiaretta, concertista, docente e compositore di indiscussa fama, già vincitore del PIF 1993, il compito di dirigere la giuria di qualità di un’edizione, la numero 48, davvero speciale per Castelfidardo, per le Marche e per l’intera Italia del Made in Italy.

Il festival, diretto dal Maestro Antonio Spaccarotella e promosso dal Comune di Castelfidardo, sotto la direzione dell’assessorato alla Cultura, sarà infatti anche occasione per celebrare il 160°anniversario dell’invenzione della fisarmonica moderna da parte del fidardense Paolo Soprani, imprenditore e padre di un distretto industriale che dalle Marche ha conquistato tutto il mondo.

Patrocinato da Regione Marche e Camera di Commercio di Ancona, con il sostegno di Amma, Siae, Proloco, Accademia Astor Piazzolla e in media partnership con Rai Cultura, il PIF 2023 promette di stupire, trasformando per cinque giorni Castelfidardo in Capitale della Musica.

 

Le date, i concerti e la premiazione

 

MERCOLEDI’ 13 SETTEMBRE

 

Ore 17.30 – Salone degli Stemmi

 

Tian Jia’nan

 

Già vincitrice del Pif 2014, l’artista cinese presenterà il suo adattamento per fisarmonica della Chinese Sights and Sounds, una suite orchestrale su larga scala di 24 canzoni popolari cinesi.

Ore 18.30 – Piazza della Repubblica

 

Julien Gonzales

 

Pluripremiato fisarmonicista francese, Gonzales anche attore, arrangiatore e compositore, ha realizzato, tra le numerose opere, la colonna sonora del musical Lawrence d’Arabia, vincitore del Molières. Tra le sue composizioni, inoltre, le musiche per lo spettacolo Le Secret des arbres, che ha ricevuto una nomination al Cyranos 2022.

 

Ore 19.30 – Auditorium San Francesco

 

Duo Accosphere

 

Bach come difficilmente capita di ascoltare. Con Alena Budziňáková in coppia con Grzegorz Palus e l’Orchestra Filarmonica della Calabria diretta da Cettina Nicolosi.

 

Ore 21.30 – Parco delle Rimembranze

 

Sergio Cammariere

 

Sarà lui, acclamato compositore e chansonnier, a chiudere al meglio la prima giornata del PIF. Momenti di pura magia sono assicurati con i successi del suo vasto repertorio e i brani del suo nuovo album, “Una sola giornata”. Ad accompagnarlo Daniele Tittarelli (sax soprano), Luca Bulgarelli (contrabbasso), Amedeo Ariano (batteria) e Antonino De Luca (fisarmonica) in uno spettacolo che miscela alla perfezione momenti di poesia, atmosfere jazz, ritmi latini e bossanova. Cammariere recupera dal baule dei ricordi i suoi successi più acclamati, dipingendoli di nuove sfumature: “Tempo perduto”, “Via da questo mare”, “Tutto quello che un uomo”, il brano della prima partecipazione a Sanremo (nel 2003, ottiene il terzo posto in gara, il Premio della Critica e quello come “Migliore Composizione Musicale”), in un perfetto equilibrio armonico che ne sottolinea l’intensità emotiva.

 

Ore 22.30 – piazza della Repubblica

 

Danilo di Paolonicola Quartet feat. Flavio Boltro

Evento in onore del 160° Anniversario di Paolo Soprani

 

World music, jazz, folklore e improvvisazione: quale mix migliore per rendere omaggio a Paolo Soprani nel 160°anniversario dell’invenzione della fisarmonica. Non è un caso se si è pensato allo spettacolo No Gender per questa occasione. Un tributo che poggia sul grande lavoro di ricerca che ha impegnato il fisarmonicista Danilo Di Paolonicola, affiancato dal noto trombettista Flavio Boltro e dai musicisti Gionni Di Clemente, Nicola Di Camillo e Glauco Di Sabatino.

GIOVEDI’ 14 SETTEMBRE

 

Ore 16.30 – Piazza della Repubblica

 

Julien Von Flue Trio

 

Musica strumentale virtuosa e variegata, con influenze folk che spaziano da Occidente a Oriente. L’esecuzione mozzafiato di Julian von Flüe ha un carattere proprio, che non è solo radicato nel virtuosismo, ma anche nel groove e nell’improvvisazione. Insieme al chitarrista Marc Scheiddegger e al bassista Matthias Abacherli, uno spettacolo davvero straordinario.

 

Ore 17.30 – Salone degli Stemmi

 

Ivan Sverko

 

Arriva dalla Croazia questo musicista che ha saputo sfruttare al meglio la lunga tradizione della fisarmonica classica della sua città natale: Pola. Vincitore del prestigioso concorso internazionale di Arrasate Hiria in Spagna e del concorso multistrumentale Ferdo Livadić in patria, approda a Castelfidardo con un programma che spazia da Bach a Grieg, ai finlandesi contemporanei Vayrynen a Korpijaakko.

 

Ore 18.30 – Piazza della Repubblica

 

Jerome Richard

 

Il fisarmonicista francese Jerome Richard trasformerà la piazza di Castelfidardo con la sua musica vivace, dinamica e festosa, in uno spettacolo imperdibile con un repertorio che ripercorrerà tutta le fasi della sua carriera. La qualità della sua musica vivace, dinamica, festosa e danzante lo hanno reso famosissimo. Molti organizzatori di spettacoli lo richiedono ogni anno per la capacità di saper coinvolgere il pubblico e di far danzare gli amanti dei balli popolari.

 

Ore 19.30 – Auditorium San Francesco

 

Francesco D’Orazio, Giorgio Dellarole, Giorgio Tabacco

 

Violino, fisarmonica e clavicembalo per l’appuntamento Baroque on accordion. Si tratta di una moderna evoluzione con un trio d’eccezione, composto da Francesco D’Orazio (Violino barocco), Giorgio Dellarole (Fisarmonica) e Giorgio Tabacco (Clavicembalo). In scaletta arie di Corelli, Krebs, Vivaldi, Haendel e Scarlatti.

 

Ore 22.30 – Piazza della Repubblica

 

Rita Marcotulli

 

Un tributo a Truffaut da parte della Signora del Jazz italiano, la pianista Rita Marcotulli, con il suo ensemble composto da Javier Girotto al sax soprano, Aurora Barbatelli all’arpa celtica, Roberto Gatto alla batteria, Vince Abbracciante alla fisarmonica e Ares Tavolazzi al contrabbasso. Il grande cinema della Nouvelle Vague si fonde con pezzi jazz strutturati e con improvvisazioni di grande suggestione, grazie a una serie di effetti timbrici e di accorto dosaggio degli strumenti che la jazzista romana e i suoi compagni di viaggio utilizzano.

 

VENERDI’ 15 SETTEMBRE

 

Ore 17.30 – Salone degli Stemmi

 

Momir Novakovic e Mari Poll

 

Un duo d’eccezione. Momir Novakovic è un fisarmonicista classico di origine serba, direttore artistico e co-fondatore dell’Accordionfest Estonia, un evento internazionale che riunisce ogni anno a Tallinn. Estone è anche Mari Poll, primo violino dell’Orchestra dell’Opera Nazionale Estone.

 

Ore 19.30 – Auditorium San Francesco

 

Geir Draugsvoll

 

Eseguita in prima assoluta nel 2009, il PIF 2023 ospita la cinquantesima replica dell’opera Fachwerk di Sofia Gubaidulina da parte del grande Geir Draugsvoll, norvegese, tra gli interpreti più celebri della fisarmonica. Un meraviglioso sogno in cui vedremo il direttore Alfredo Luigi Cornacchia e l’Orchestra Filarmonica della Calabria accompagnare il Maestro.

 

Ore 20,30 – Piazza della Repubblica

 

James Lesueur

 

Anche soprannominato in Francia “il nuovo Médard Ferrero, James Lesueur, acclamato fisarmonicista si esibirà spaziando dal repertorio di musette alle varietà e aperture classiche.

 

Ore 21.30 – Parco delle Rimembranze

 

Richard Bona

 

Lo straordinario bassista vincitore di un Grammy accompagnato dalla fisarmonica di Luciano Biondini, dalla chitarra di Ciro Manna e dai tamburi a cornice di Andrea Piccioni si esibirà in una performance studiata e realizzata su misura per il palcoscenico del PIF. Che sia jazz, pop, bossa-new, afro-beat o funk la fisarmonica accompagnerà lo show di questo artista completo, uno dei più apprezzati musicisti africani in campo internazionale.

 

Ore 22.30 – Piazza della Repubblica

 

Concertino Accordion Band

 

Il gruppo, composto da sette fisarmonicisti, un bassista, pianista e batterista, studenti e diplomati all’Accademia di musica, teatro e belle arti della Moldavia, spazierà tra vari generi musicali. Dal classico e romantico al jazz, dai tanghi di Piazzolla alla musica moderna, leggera e anche popolare. La band, vincitrice di 12 trofei nelle competizioni di fisarmonica in tutta Europa, si è esibita più volte con Richard Galliano.

 

SABATO 16 SETTEMBRE

 

Ore 17.30 – Salone degli Stemmi

 

Ryan Corbett

 

Arriva dalla Scozia questo giovane davvero interessante che suona fisarmonica dall’età di 11 anni. Laureato al Royal Conservatoire of Scotland, Corbett è stato il primo fisarmonicista a far parte del prestigioso BBC Radio 3 New Generation Artist. Ha tenuto concerti in tutta Europa e negli Stati Uniti.

 

Ore 19.30 – Auditorium San Francesco

 

Marco Gemelli e il Cuarteto del Misterio

 

Marco Gemelli con il quartetto d’archi formato da Paolo Angelucci, Kristina Esekova, Stefano Morgione e Alessandro Lumachi presenta El Tiburòn, ultimo lavoro discografico dedicato ad Astor Piazzolla con reinterpretazioni di brani che hanno fatto la storia del nuevo tango.

 

Ore 21 – Piazza della Repubblica

 

Siwa e figli Accordions

 

Le Stelle dei Balcani è una serata speciale, dedicata agli artisti della Siwa & Figli Accordions che si susseguiranno con delle esibizioni esclusive. A salire sul palco alcuni dei fisarmonicisti più importanti dei Balcani: Altin Tomaj, Edo e Dina Krilic, Sasko e David Velko, Jordan Djevic e Etno Balkan Trio e Enes Omerdic. Per l’occasione verrà presentato il Gajde, uno strumento nazionale della Serbia che non esiste in Europa.

 

Ore 21 – Cinema Astra

 

Omaggio a Zeffirelli con Alessandro Preziosi

 

Alessandro Preziosi, eclettico e apprezzato attore sarà protagonista di uno spettacolo in esclusiva, tra prosa e musica, pensato per celebrare il centenario della nascita di Franco Zeffirelli. Preziosi leggerà alcune lettere autobiografiche scritte dal grande Maestro, sulle note di alcune delle più belle colonne sonore dei suoi film capolavoro. Brani celebri, affidati all’esecuzione di Filippo Arlia al pianoforte, Francesco Mariozzi al violoncello e Gianni Iorio al bandoneon.

 

Ore 22 – Parco delle Rimembranze

 

Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura

 

Il trombettista jazz e il compositore marchigiano, considerato uno dei più originali e creativi bandoneonisti al mondo, daranno vista ad un intenso dialogo in musica nel segno degli strumenti ad aria e di un lirismo dagli aromi mediterranei.

 

Ore 23 – Piazza della Repubblica

 

Petar Maric e Nicola Pigini dj set

 

Nicola Pigini, deejay/producer e speaker italiano, incontra Piter Maric, raffinato interprete della fisarmonica elettronica. Un ulteriore esempio di come lo strumento a mantice possa essere duttile, con un futuro ancora tutto da scrivere ma pieno di possibilità artistiche.

 

DOMENICA 17 SETTEMBRE

 

Ore 16 – Teatro Astra

 

LA PREMIAZIONE

 

Il culmine del Pif: la proclamazione del vincitore assoluto del concorso: in gara tre finalisti, che dovranno conquistare la giuria di qualità, presieduta da Cesare Chiacchieretta, misurandosi con il brano d’obbligo composto da Martin Lohse, docente di composizione alla Royal Danish Academy of Music di Copenaghen e tra i più accreditati compositori contemporanei di musica per fisarmonica.

 

A pagamento gli spettacoli di Cammariere, Bona, Preziosi, Fresu e Di Bonaventura: prevendite su Vivaticket.

Per ulteriori informazioni: https://www.pifcastelfidardo.it/

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here