Marche: le strategie a favore delle imprese della pesca e dell’acquacoltura

268

Prosegue l’impegno della Regione Marche a sostegno di un comparto nevralgico e centrale come la pesca attraverso una serie di incontri e iniziative per illustrare le numerose misure messe in campo dall’Ente. Ieri ad Ancona, a Palazzo Leopardi, l’assessore regionale alla Pesca e alle Attività Produttive, Andrea Maria Antonini, ha voluto incontrare gli stakeholder e i rappresentati del comparto per illustrare le strategie di sviluppo locale a favore della pesca marchigiana.

“Come Amministrazione regionale abbiamo presentato una manovra di oltre 32 milioni, relativamente ai fondi FEAMPA, a favore delle imprese della pesca e dell’acquacoltura – ha spiegato Antonini – in tale direzione, rientra proprio il Bando sulla creazione dei  FLAG (oggi denominati GAL pesca) a favore dei quali abbiamo messo a disposizione ben 6 milioni di euro. Si tratta di uno stanziamento economico maggiore rispetto a quello della precedente Programmazione 2014/2020. Un intervento importante e fortemente voluto dalla Regione che mira ad andare incontro ai territori in quanto proprio nei territori (marinerie, mercati ittici) si inserisce l’azione dei GAL, realtà chiamate a promuovere iniziative di supporto delle imprese marchigiane della pesca e dell’acquacoltura”.

L’assessore, nel corso del suo intervento, ha poi annunciato che sono a disposizione ulteriori 6 milioni di euro a favore delle imprese marchigiane della acquacoltura e della pesca marittima quale compensazione dei danni provocati dall’aumento del gasolio e dei costi energetici a causa dell’attuale conflitto tra Russia e Ucraina. “La Regione Marche, grazie alla somma di economie della precedente Programmazione ad ulteriori fondi ministeriali e regionali, approvata in assestamento, metterà a disposizione un contributo significativo a favore di ciascuna impresa del settore che, in questi ultimi anni, ha dovuto affrontare un sensibile rialzo dei costi di gestione. Si tratta di un intervento unico e molto atteso, da tempo, dalle stesse aziende della pesca in quanto è una misura straordinaria che fino, ad oggi, non era mai stata approntata da nessun governo regionale in queste proporzioni” ha aggiunto Antonini.

“Tante idee da mettere in campo e da realizzare che, sono certo, troveranno una significativa risposta dai territori – ha concluso l’assessore – proprio per questo, è nostra intenzione avviare, già dalle prossime settimane, un ciclo informativo di incontri rivolto ad associazioni di categoria, Comuni costieri e addetti ai lavori per raccogliere proposte, osservazioni e idee provenienti da ogni comunità territoriale di riferimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here