Flessya sempre viva grazie alla ex “rivale” Dorica Castelli

972

Flessya, azienda specializzata nella produzione di porte interne, è tornata pienamente operativa all’indomani dall’incendio che ha colpito duramente il reparto verniciatura.

 

Gran parte delle attività sono state riprese già dal lunedì successivo all’incidente, scoppiato per cause accidentali nella notte tra giovedì 23 e venerdì 24 novembre. All’inizio di questa settimana è iniziata invece la bonifica del secondo reparto verniciatura, non direttamente interessato dall’incendio, che durerà almeno per un’altra decina di giorni.

 

La risorsa chiave che consente di dare continuità alle varie lavorazioni già iniziate e di proseguire, senza periodi di sosta, la normale produzione è la seconda sede produttiva di Flessya, l’ex Dorica Castelli.

 

La storica azienda infatti, anch’essa produttrice di porte interne, è stata acquisita da Flessya nel 2021. Questo secondo stabilimento, di circa 7.000 mq, è situato nelle vicinanze ed è pienamente funzionante, quindi in grado di far fronte agli ordini durante il periodo d’emergenza.

 

Buona parte del merito del rapido rientro all’attività va ai vigili del fuoco, che nel giro di alcune ore hanno saputo mettere sotto controllo la situazione.

 

 

 

I dipendenti dell’azienda hanno poi dato un contributo fondamentale.

Immediatamente dopo l’incendio, tutta l’azienda era all’opera per pulire e ripristinare gli altri reparti dell’azienda.

 

“Ovviamente dovremmo produrre di nuovo i prodotti in corso di lavorazione danneggiati” spiega Paolo Pantaleoni, direttore commerciale.  “Questo implicherà qualche ritardo di consegna. Per quanto riguarda tutti gli altri ordini, ci stiamo organizzando per non creare ulteriori disagi e consegnarli nei tempi stabiliti”.

 

 

Flessya nasce nel 2006 a Monte Roberto (AN), dall’incontro tra i soci fondatori, già profondi conoscitori del settore delle porte da interni, e un gruppo di artigiani del legno, esperti ed appassionati. Grazie alla capacità di operare con estrema flessibilità e di rispondere, quindi, in tempi rapidissimi alle richieste del mercato, l’azienda si è sviluppata fino a diventare uno dei maggiori produttori italiani di porte da interni, con un fatturato di circa 22 milioni di euro e 75 persone in organico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here