Transizione verde: il successo dipende dalla velocità di attuazione

771

Uno studio condotto da ricercatori del CMCC mostra che la transizione verso un’economia verde, considerata sia dagli scienziati che dai politici la chiave per raggiungere gli obiettivi climatici entro la fine di questo secolo, dipende fortemente dai trasferimenti di capitale dalle attività economiche “marroni” a quelle “verdi”, insieme a misure significative e tempestive di riduzione delle emissioni nel settore “marrone”

Una transizione verde di successo per affrontare la crisi climatica in modo e promuovere lo sviluppo sostenibile, considerata dagli scienziati e dai politici la chiave per raggiungere gli obiettivi climatici entro la fine di questo secolo, dipendono fortemente dalla velocità della sua implementazione.

È quanto evidenzia lo Studio “An assessment of different transition pathways to a green global economy”, pubblicato recentemente su Nature Communications Earth & Environment e condotto da un team di ricercatori internazionali, guidati da scienziati del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), che indaga sui percorsi alternativi per la transizione dell’economia globale da un settore dominato dai combustibili fossili, marrone, a uno dominato da quelli a basse emissioni, verde.

Secondo i ricercatori, una transizione verde di successo richiederà un duplice approccio: riallocare le risorse dalle attività economiche insostenibili a quelle sostenibili e promuovere la crescita endogena nella capacità e produttività degli sforzi sostenibili Affrontare questa transizione richiede cambiamenti significativi nel panorama globale della produzione e del consumo per allinearsi agli obiettivi climatici, garantendo allo stesso tempo lo sviluppo economico. Tuttavia, le specificità della riallocazione delle risorse dipendono fortemente dalle ipotesi formulate sulla velocità della transizione verde.

Vengono considerati tre diversi percorsi, ciascuno definito dalla velocità della transizione: costante (o lineare), veloce e ritardata. Il rapido percorso di transizione dipende fortemente dai trasferimenti di capitale dalle attività economiche “marroni” a quelle “verdi”, insieme a misure significative e tempestive di riduzione delle emissioni nel settore “marrone”.

“Affinché una transizione rapida abbia successo, è necessario anche un sostanziale livello di resilienza nel settore ‘marrone’ per sopportare questo onere – ha affermato Severin Reissl, ricercatore presso RFF-CMCC-Istituto Europeo di Economia e Ambiente (EIEE) e co-autore del documento – Al contrario, percorsi più lenti comportano una maggiore quantità di investimenti e una graduale accumulazione di capitale all’interno del settore ‘verde’ stesso, mitigando alcuni dei costi associati alla riallocazione del capitale tra i settori, ma determinando emissioni prolungate più elevate”.

In particolare, lo studio ha riscontrato costantemente, nella maggior parte degli scenari, la necessità di indirizzare tutti gli sforzi di ricerca e sviluppo verso il settore “verde” per migliorarne la produttività e raggiungere efficacemente gli obiettivi di transizione.

DICE, il modello da cui partiamo, è un quadro altamente semplificato ha proseguito Reissl – I modelli di valutazione integrata (IAM), incluso DICE, sono strumenti essenziali per analizzare gli impatti economici dei cambiamenti climatici e valutare le conseguenze delle politiche di mitigazione del clima. Si va da semplici versioni stilizzate a complessi modelli basati su processi che incorporano rappresentazioni dettagliate di fattori quali sistemi energetici, uso del territorio e inquinamento atmosferico. Anche se in genere lavoro con modelli più dettagliati e complessi, credo che strutture più stilizzate come il nostro modello DICE esteso possano essere molto utili per evidenziare punti generali ma importanti”.

I ricercatori hanno apportato una serie di estensioni e miglioramenti chiave lungo alcune dimensioni importanti, tra cui molteplici settori e la crescita della produttività guidata dalla ricerca e sviluppo, per fornire ulteriori approfondimenti, pur mantenendo il modello generale abbastanza semplice e gestibile. I risultati di questo documento sottolineano la portata e la direzione degli sforzi necessari per realizzare una transizione rapida e sottolineano che è urgentemente necessaria un’azione politica più forte.

Panoramica schematica del modello DICE a 2 settori. Le linee continue rappresentano le relazioni tra le variabili mentre le linee tratteggiate rappresentano le 11 variabili decisionali che definiscono lo spazio di azione.

“Il successo della transizione verso un’economia verde dipende in larga misura dal livello di impegno politico e di capacità tecnica all’interno della società – ha sottolineato Soheil Shayegh, autore corrispondente dell’articolo – Tuttavia, il ritmo presunto della transizione ha un forte impatto sul modo in cui tale transizione si svilupperà. Pertanto, nel progettare politiche di crescita verde, è fondamentale che i decisori prevedano i cambiamenti necessari nella riallocazione delle risorse, spaziando dal capitale finanziario e fisico alle risorse umane fino alle attività di ricerca e sviluppo“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here