A Rimini Federcoop Romagna disegna gli scenari per il futuro

268

Sono confortanti i risultati di esercizio di Federcoop Romagna che chiude il 2023 attestando il suo fatturato a 6,2 milioni di euro

Cosa non scontata nello scenario attuale del Paese, stabilizza un numero sempre maggiore di persone (attualmente sono in organico 110 persone di cui 96 dipendenti) sviluppando aree importanti come i servizi innovativi, paghe e contabilità.

Tra le preoccupazioni principali espresse dalle cooperative socie per il 2024 la difficoltà a trovare lavoratori (42,7%), i costi energetici (40,6%), l’inflazione e il costo del denaro (34,4%) e il finanziamento dei servizi pubblici essenziali (20%). Tra i risultati del 2023 in evidenza, il supporto tecnico fondamentale che Federcoop Romagna ha fornito durante l’alluvione alle cooperative associate a Legacoop Romagna, anche per facilitare dal punto di vista tecnico la raccolta fondi che ha portato a distribuire quasi 6 milioni di euro di risorse alle vittime dell’alluvione.

“I dati di Federcoop – dichiara Paolo Lucchi, presidente di Federcoop Romagna e Legacoop Romagna – ci mostrano uno scenario, fortunatamente, in controtendenza rispetto a quello dipinto nel resto dell’Italia. Nella nostra realtà che fornisce servizi alle imprese si cresce, ci si aggiorna, si cercano forze nuove e formate. Questa è la Federcoop Romagna che abbiamo traghettato verso il futuro”.

“Anche in un anno molto difficile – dichiara Zannoni – Federcoop Romagna si è confermata essere un punto di riferimento per il movimento cooperativo e ha continuato a innovare nella sua proposta di servizi per le imprese. Tra gli obiettivi del 2024: formazione avanzata per le risorse interne, potenziamento tecnologico e acquisizione di nuove commesse”.

Alla convention sono intervenuti la vicepresidente Antonella Conti, l’amministratrice delegata Elena Zannoni, il presidente Paolo Lucchi, e la responsabile amministrativa Cristina Montaguti, la responsabile delle risorse umane Ornella Rutigliano, responsabile relazioni sindacali Claudio Riciputi e la responsabile politiche di genere Carolina Smecca. Erano inoltre presenti il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Daniele Montroni e la direttrice Barbara Lepri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here